Burro di Cocco

Crudo Bio - Coconut Butter Raw Organic - 200ml
Burro di Cocco 200ml

Clicca per ingrandire

Burro di Cocco 200ml Burro di Cocco Bio 200ml Burro di Cocco Crudo 200ml Burro di Cocco Online 200ml
Etichetta
(48)

4.9 / 5

: 41
: 7
: 0
: 0
: 0
Confezione:
Seleziona la quantità:

Prezzo:

9,60

Disponibilità:

Immediata


Chiedi info su questo prodotto

Burro di Cocco

Crudopedia
by CiboCrudo

Introduzione:

Burro di Cocco: Descrizione Breve

Nelle Filippine e in altri paesi la palma da cocco viene comunemente chiamata ”Albero della Vita”. All’inizio pensavo che tale definizione fosse un’esagerazione o frutto di credenze superstiziose, ma mi sono ricreduta. Numerose ricerche scientifiche hanno messo in risalto il completo valore nutritivo di questo frutto e del burro che se ne ricava. Il Burro di Cocco è la parte edibile, ovvero la copra del frutto dell’omonima pianta di origine tropicale, la palma da cocco.
È uno dei pochi grassi sani che stimola il metabolismo e, nelle giuste dosi, può aiutare a dimagrire. Oltre ad essere un gustoso ingrediente di varie ricette sia dolci che salate (come potrai vedere nelle scheda seguente), il Burro di Cocco aiuta il tuo sistema immunitario ed esercita una funzione antiossidativa. In altre parole, un “burro” che non ti appesantisce e che ti aiuta a rimanere giovane. Pertanto, la definizione data questi popoli asiatici, alla luce dei fatti, è più che fondata: questo “albero della vita” ed il saggio uso dei suoi prodotti possono davvero promuovere una vita sana e longeva.
Ma quali sono i princìpi attivi che rendono il Burro di Cocco così prezioso? In che modo vari studi, riconosciuti dalla Comunità Europea, confermano la sua preziosa azione sul nostro sistema immunitario? Come il Burro di Cocco fornito da CiboCrudo, 100% biologico e naturale, può essere utilizzato in gustose e salutari ricette? Per avere le risposta a questa e altre domande ti invito a leggere le schede che seguono.
Vedremo come, grazie al suo importante contenuto di minerali quali il manganese, il potassio, il fosforo, il rame ed il selenio, le proprietà confermate dalla Commissione Europea riguardo questi princìpi princìpi attivi, ci possono far avvicinare al “derivato” di questo frutto straordinario, potendo così godere dei benefici che i suoi micro e macro componenti sono in grado di apportare.
Ci avventureremo brevemente anche in alcuni studi scientifici che hanno identificato nei princìpi attivi presenti nel Burro di Cocco importanti effetti antiossidativi e antitumorali (2*) (4*) (5*).
Attraverso l’analisi dei valori nutrizionali del Burro di Cocco avremo modo di comprendere l’origine delle importanti proprietà dei suoi princìpi attivi.
Concluderemo con alcune ricette, spunto stimolante per un uso in cucina del Burro di Cocco, in grado di conferire una piacevole consistenza ed un sapore particolare alle nostre preparazioni.

> Lista Argomenti:

Il Burro di Cocco
Sintesi Proprietà e Benefici dei princìpi attivi del Burro di Cocco
Sintesi Valori Nutrizionali del Burro di Cocco
Ricerche Scientifiche Utilizzate come Fonti Specifiche

 

Il Burro di Cocco

Il Burro di Cocco è l’endosperma (copra) del seme della palma da cocco (Cocos nucifera), pianta tipica delle fasce costiere dei paesi caldi. Ricco di grassi saturi e, quindi, fonte di lipidi di assoluto rispetto può essere introdotto nella nostra alimentazione per preparare appetitose ricette, sia dolci che salate. Il Burro di Cocco non è da confondersi con l’olio di cocco, peraltro analogamente estratto sempre dal seme della palma da cocco, dato che, se quest’ultimo rappresenta quasi esclusivamente una fonte di lipidi, il Burro di Cocco si contraddistingue anche per il suo significativo apporto di princìpi attivi, nello specifico di minerali importanti, come avremo modo di approfondire in seguito, per il corretto funzionamento del nostro organismo.

Sintesi Proprietà e Benefici dei princìpi attivi del Burro di Cocco

Per quanto possa apparirci come un frutto alquanto esotico e lontano dalla nostra cultura, non sono certo da sottovalutare i benefici che i princìpi attivi del Burro di Cocco possono apportare, se introdotti con consapevolezza nella nostra alimentazione.
In particolare possiamo soffermarci sul fatto che secondo la Commissione Europea la significativa presenza di princìpi attivi quali il manganese, il potassio, il fosforo, il rame ed il selenio, è in grado di contribuire al normale funzionamento del sistema immunitario e a proteggere le cellule dallo stress ossidativo. Quindi la sua aggiunta alle nostre preparazioni in cucina rappresenta, come vedremo, la possibilità di dotarsi di princìpi attivi che favoriscono il corretto funzionamento del sistema immunitario - come peraltro confermato dalla Commissione Europea - e la prevenzione di patologie degenerative e tumorali (4*) (5*).

Sintesi Valori Nutrizionali del Burro di Cocco

Di seguito ci soffermeremo più dettagliatamente sui valori nutrizionali del Burro di Cocco; qui ci basti rimarcare la significativa presenza di importanti minerali quali il manganese, il potassio, il fosforo, il rame, il selenio, coadiuvanti antiossidativi e benefici per il sistema immunitario, come confermato dalla Commissione Europea.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Possiamo iniziare l’approfondimento sui princìpi attivi contenuti nel Burro di Cocco, dando un primo sguardo alle conclusioni a cui sono giunti dei recenti studi scientifici:

2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28054477
3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27430387
4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26496897
5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24356281

^ Torna all'inizio del paragrafo Burro di Cocco: Descrizione Breve

 

Approfondimento:

Cos'è il Burro di Cocco

Il Burro di Cocco è la parte edibile interna (la copra) della noce di cocco, un frutto di origine tropicale particolarmente diffuso nelle zone costiere.

> Lista Argomenti Trattati

Descrizione e Habitat
Storia e Tradizione

 

Descrizione e Habitat

Come precedentemente accennato, il Burro di Cocco viene ricavato dalla pianta di palma da cocco appartenente alla famiglia delle Arecacee o Palmecee, al genere Cocos ed alla specie nucifera.
Si tratta di un albero di dimensioni rilevanti, avente un fusto colonnare di forma slanciata che può raggiungere altezze di anche oltre 30 metri. Il fusto ha superficie liscia, colore grigio, con delle cicatrici a forma di anello, segno delle foglie e dei racemi caduti. Si tratta di una pianta notevolmente longeva, che può vivere pure oltre cento anni.
Una corona di grandi foglie paripennate, lunghe 4-6 metri, si sviluppa all’apice del tronco nei primi due anni di vita della pianta, per poi cadere naturalmente.
L’apparato radicale della palma da cocco è fascicolato, di forma cilindrica, con un buono sviluppo ma dalla vita breve, dato che le radici vengono progressivamente sostituite da altre che si sviluppano dalla base della pianta estendendosi poi negli strati superficiali del terreno.
I fiori sono di piccole dimensioni, di colore giallo, riuniti in un’infiorescenza a spadice ramificato, che porta approssimativamente trecento fiori: quelli femminili sono solamente cinque o sei, e sono collocati alla base dello spadice. I rimanenti sono tutti fiori maschili, collocati al di sopra di quelli femminili. L’impollinazione è sia anemofila che entomofila: in quest’ultimo caso coadiuvata dagli insetti pronubi. Ogni pianta porta da 6 a 12 infiorescenze.
I frutti da cui si ricava il Burro di Cocco sono drupe voluminose, globose od ovoidali, chiamate comunemente noci di cocco, aventi un diametro che può oscillare dai 10 ai 40 cm e un peso di circa 1 chilogrammo, che si formano dopo 2 settimane dalla fioritura, raggiungendo la piena maturità dopo circa sei mesi.
L’epicarpo è liscio, sottile e di colore bruno rossiccio, il mesocarpo è fibroso, unito all’endocarpo, o guscio di consistenza dura e legnosa, aderente al tegumento del seme che racchiude. Il seme presenta un sottile tegumento bruno, aderente all’endosperma, o copra, di spessore pari a circa 1-3 centimetri particolarmente ricco di grassi. All’interno dell’endosperma si trova il latte di cocco, di consistenza liquida e dal caratteristico sapore.
La palma da cocco preferisce i climi tropicali ed equatoriali. Infatti, la sua coltivazione è praticata alle latitudini comprese tra i due tropici. La temperatura ideale è di almeno 25 °C medi e la piovosità minima è di 1300 millimetri annui, ben distribuiti nell’arco dell’anno.
Se è presente una stagione secca, i mesi con meno di 50 millimetri di pioggia non dovrebbero essere più di tre consecutivi. L’irraggiamento ottimale dovrebbe essere di almeno 2000 ore di luce solare diretta annua, mentre l’umidità relativa dovrebbe essere sempre dell'80-90%, con nessun mese al di sotto del 60%. Ottimale anche la presenza del vento, in quanto favorisce l'impollinazione.
La palma da cocco può crescere fino ad un’altitudine di 600 metri s.l.m. e gradisce un’esposizione in pieno sole. Questa pianta predilige terreni sabbiosi, salini, acidi, ben drenati ed areati situati in zone costiere.
La palma da cocco sembrerebbe essere originaria dell’Indonesia, ma anche l’America del Sud potrebbe essere la sua “terra natia”. Nell'antichità la pianta era stata già diffusa in tutta l'area del Pacifico, con numerose varietà che si differenziavano per colore, grandezza e forma del frutto. Si deve ai primi navigatori portoghesi e spagnoli la scoperta della palma da cocco nel corso delle esplorazioni delle coste occidentali dell'America centromeridionale.
Successivamente, dal terzo ventennio del 1500 iniziò ad essere coltivata e diffusa anche sulle coste orientali.
Tuttavia la capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua del mare è indicata come metodo di diffusione naturale della specie. Le noci di cocco sono in grado di mantenere la capacità di germogliare dopo centodieci giorni di immersione nell'acqua di mare. In tale lasso di tempo possono percorrere fino a 5000 chilometri!
Attualmente viene coltivata anche in India, Messico e Brasile, mentre in Africa le principali zone di diffusione sono in Tanzania, in Mozambico e nel Ghana.
Sebbene possa sembrare banale, l’apertura della noce di cocco, per chi non sia avvezzo a questo frutto, non è un’operazione del tutto semplice: il metodo più diffuso per l'apertura della noce, nei paesi dove la pianta è coltivata per l'estrazione della copra da cui si ottiene il Burro di Cocco, è colpire la parte con i tre "occhi" utilizzando un machete, dopo aver appoggiato la noce su un ceppo appositamente incavato.
Ricordiamo che la noce di cocco ha un guscio molto resistente e la sua forma sferico-ovale la rende anche difficile da maneggiare ed intaccare.
Prima di aprirla è consigliabile, comunque, forare uno degli "occhi" (uno solo dei tre è perforabile con una certa facilità) utilizzando un punteruolo, facendo così fuoriuscire l'acqua di cocco contenuta all'interno.

Storia e Tradizione

Gli esploratori spagnoli coniarono il nome di “cocco” (muso di scimmia) poiché, a loro dire, a causa delle tre tacche presenti sulla noce con superficie pelosa assomigliava ad una scimmia.
La noce di cocco è sempre stata protagonista di antichi rituali simbolici, specialmente nei paesi d’origine: secondo molte leggende questo frutto è sacro per via della somiglianza, nella forma, al cranio e frequentemente in passato veniva offerto come sacrificio agli dei al posto di una testa umana.
In India regalare una noce di cocco nel corso di una cerimonia nuziale è considerato di ottimo auspicio, mentre in molti paesi tropicali il cocco è ritenuto il re dei vegetali e viene chiamato l’”albero della vita” sia perché della pianta non si butta via nulla, sia perché essa è un’ottima fonte di grassi e proteine, rappresentando un alimento fondamentale e ricco di princìpi attivi dalle molteplici proprietà nell’alimentazione dei popoli dei mari del sud.

^ Torna allinizio del paragrafo Cos'è il Burro di Cocco

 

Burro di Cocco: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

In questa sezione andremo ad analizzare le proprietà e i benefici dei princìpi attivi del Burro di Cocco alla luce di recenti studi ed esperimenti scientifici. In particolare citeremo delle ricerche inerenti degli esperimenti scientifici svolti sull’acido laurico, costituente in percentuale quasi la metà degli acidi grassi contenuti nel Burro di Cocco.

> Lista Argomenti Trattati:

Relazione fra gli Acidi Grassi Contenuti nel Burro di Cocco e Patologia del Cancro al Colon
Effetto di Riduzione della Pressione Sanguigna e dello Stress Ossidativo nel Cuore e nei Reni dell’Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco
Effetti dell'Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco sulla Malattia di Alzheimer
Effetto Coadiuvante dell'Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco in Terapie Antitumorali Come Quella del Colon-Retto
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Relazione fra gli Acidi Grassi Contenuti nel Burro di Cocco e Patologia del Cancro al Colon

Alcune voci allarmistiche, peraltro non accompagnate da rigorosi esperimenti scientifici come quello che fra un po’ andremo a citare, ascrivono agli alimenti ricchi di grassi saturi presunte connessioni con abnormi innalzamenti dei tassi lipidici ed altre patologie.
Viceversa questo studio (1*) dimostra l’assenza di connessione fra il pur significativo tasso di acidi grassi contenuti nel Burro di Cocco e la patologia di cancro al colon.

 

Effetto di Riduzione della Pressione Sanguigna e dello Stress Ossidativo nel Cuore e nei Reni dell’Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco

Anche in questo caso lo studio scientifico citato (2*) è in grado, in un certo senso, di rassicurarci circa l’effetto dell’acido laurico, principale acido grasso presente nel Burro di Cocco, sul nostro organismo ed in particolare sull’apparato cardiovascolare ed urinario. Infatti, il benefico effetto dell’attivo contenuto nel Burro di Cocco si ripercuote positivamente sia sulla pressione sanguigna che sullo stress ossidativo di importanti organi come il cuore ed i reni.
D’altro canto anche la Commissione Europea si sofferma sull’importante contributo di princìpi attivi - come manganese, potassio, rame e selenio, naturalmente presenti nel Burro di Cocco - nella protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

Effetti dell'Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco sulla Malattia di Alzheimer

Anche in questo studio scientifico, perfettamente in linea con lo studio precedente su cui ci siamo appena soffermati, viene rimarcato l’importante effetto dei princìpi attivi contenuti nel Burro di Cocco in chiave antiossidativa, in particolare sulla malattia di Alzheimer (3*).

Effetto Coadiuvante dell'Acido Laurico Naturalmente Contenuto nel Burro di Cocco in Terapie Antitumorali Come Quella del Colon-Retto

Oltre a considerare il giudizio favorevole della Commissione Europea in relazione agli importanti effetti dei princìpi attivi contenuti nel Burro di Cocco sul sistema immunitario, in questi specifici studi (4*) (5*) viene preso in esame l’importante effetto antiproliferativo dell’Acido Laurico, naturalmente presente nel Burro di Cocco, su specifiche patologie tumorali come quella del cancro al colon-retto.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

In maniera sintetica e per offrire la possibilità di una rapida consultazione di seguito riportiamo la lista degli approfondimenti:

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10673914
2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28054477
3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27430387
4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26496897
5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24356281

^ Torna all'inizio del paragrafo Burro di Cocco: Proprietà e Benefici degli Princìpi Attivi

 

Il Burro di Cocco: Valori Nutrizionali e Calorie

Ci soffermeremo ora sui valori nutrizionali della noce di cocco (da cui si ricava il Burro di Cocco) cioè i microelementi di cui è costituita. Sono soprattutto i minerali come il manganese, il potassio, il fosforo, il ferro, il rame ed il selenio ad essere significativamente presenti in questo straordinario frutto riconfermando le doti antiossidative e benefiche per il sistema immunitario (2*) (3*) già espresse dalla Commissione Europea in relazione ai princìpi attivi contenuti in questo frutto.

> Lista Argomenti Trattati:

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali
Breve Analisi Nutrizionale
I Minerali

 

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali

Valori nutrizionali Medi per 100 g (riferiti al frutto di Cocco)
(i seguenti valori fanno riferimento al prodotto generico. Fonte: http://www.valori-alimenti.com/nutrizionali/tabella12104.php ; il database utilizzato da questo sito fa riferimento ai valori nutrizionali degli alimenti dell'USDA United States Department of Agriculture a alla Banca dati di composizione degli alimenti dell'INRAN).

Calorie: 354 kcal
Grassi: 33,49 g
Carboidrati: 15,23 g
Proteine: 3,33 g
Fibre: 9,0 g
Zuccheri: 6,23 g
Acqua: 46,99 g
Ceneri: 0,97 g

Minerali

Calcio: 14,0 mg
Sodio: 20,0 mg
Fosforo: 113,0 mg
Potassio: 356,0 mg
Ferro: 2,43 mg
Magnesio: 32,0 mg
Zinco: 1,1 mg
Rame: 0,435 mg
Manganese: 1,5 mg
Selenio: 10,1 mcg

Vitamine

Vitamina B1: 0,066 mg
Vitamina B2: 0,02 mg
Vitamina B3: 0,54 mg
Vitamina B5: 0,3 mg
Vitamina B6: 0,054 mg
Vitamina C: 3,3 mg
Vitamina E: 0,24 mg
Vitamina J: 12,1 mg
Vitamina K: 0,2 mcg
Folati: 26,0 mcg
Tocoferolo gamma: 0,53 mg

Lipidi

Acidi grassi monoinsaturi: 1425,0 g
Acidi grassi polinsaturi: 0,366 g
Acidi grassi saturi: 29698,0 g
Colesterolo: 0 mg
Fitosteroli: 47 mg

Breve Analisi Nutrizionale

Il Burro di Cocco, come vedremo più dettagliatamente di seguito, rappresenta una fonte significativa di svariati minerali.
Il Burro di Cocco ha un elevato contenuto di grassi saturi e un contenuto molto basso di sodio e di colesterolo. È anche una buona fonte di manganese, fosforo, potassio, ferro, rame e selenio.
Quindi, a fronte di un contenuto vitaminico poco significativo, l’utilizzo del Burro di Cocco come complemento lipidico nella propria alimentazione rappresenta un significativo apporto di minerali importanti, come approfondiremo di seguito, per il corretto funzionamento del nostro organismo.

I Minerali

Innanzitutto nel Burro di Cocco troviamo dosi di assoluto rilievo di manganese, in merito al quale la Commissione Europea afferma che:

- contribuisce al normale metabolismo energetico
- contribuisce al mantenimento di ossa normali
- contribuisce alla normale formazione del tessuto connettivo
- contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo

Proseguendo con l’analisi del “corredo” di minerali presenti nel Burro di Cocco, possiamo ricordare anche il fosforo, sulle cui importanti proprietà così si esprime la Commissione Europea:

- contribuisce al normale metabolismo energetico
- contribuisce alla normale funzione delle membrane cellulari
- contribuisce al mantenimento di ossa normali
- contribuisce al mantenimento di denti normali
- è necessario per la normale crescita e sviluppo delle ossa nei bambini

Di assoluto rilievo anche la presenza del potassio nel Burro di Cocco, che:

- contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso
- contribuisce alla normale funzione muscolare
- contribuisce al mantenimento della pressione sanguigna normale

Possiamo citare fra i minerali significativamente presenti nel Burro di Cocco anche il ferro che:

- contribuisce alla normale funzione cognitiva
- contribuisce al normale metabolismo energetico
- contribuisce alla normale formazione dei globuli rossi e di emoglobina
- contribuisce al normale trasporto di ossigeno nel corpo
- contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario
- contribuisce alla riduzione della stanchezza
- ha un ruolo nel processo di divisione cellulare
- contribuisce al normale sviluppo cognitivo dei bambini

Per quanto concerne le proprietà del rame, pure presente in proporzione di rilievo nel Burro di Cocco, possiamo sottolineare che secondo la Commissione Europea:

- contribuisce al mantenimento di normali tessuti connettivi
- contribuisce al normale metabolismo energetico
- contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso
- contribuisce alla normale pigmentazione dei capelli
- contribuisce al trasporto normale ferro nell'organismo
- contribuisce alla normale pigmentazione della pelle
- contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario
- contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo

Infine, ultimo ma non meno importante, fra i minerali presenti in dose significativa nel Burro di Cocco possiamo citare anche il selenio che, secondo la Commissione Europea:

- contribuisce alla normale spermatogenesi
- contribuisce al mantenimento di capelli normali
- contribuisce al mantenimento di unghie normali
- contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario
- contribuisce alla normale funzione tiroidea
- contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo

Ricordiamo, infine, che nel Cocco si rileva un basso contenuto di sodio, il che contribuisce al mantenimento della pressione sanguigna normale.
Ancora una volta sottolineiamo che tutte le informazioni riportate sono state confermate dalla Commissione Europea.

^ Torna all'inizio del paragrafo Burro di Cocco: Valori Nutrizionali e Calorie

 

Burro di Cocco: Ricette

In questa sezione ci soffermeremo sull’uso in cucina del Burro di Cocco che, contrariamente a quanto si possa pensare, si presta molto bene alla preparazione, non soltanto di squisiti dolci, ma anche nella preparazione di ricette salate. Proprio la caratteristica del Burro di Cocco di “fondersi” ad una temperatura che non supera i “canonici” 42° C dell’alimentazione crudista, lo rende un prezioso aiuto nella preparazione di ricette assolutamente Raw!

> Lista Argomenti Trattati:

Formaggio Feta Raw
Frullato Proteico Energetico
Cioccolata Calda Speziata
Torta di Carote
Torta al Cioccolato

 

Formaggio Feta Raw

Sebbene il nome possa trarre in inganno, questa ricetta prevede esclusivamente l’uso di ingredienti di origine vegetale; il risultato che otterrai non avrà nulla da invidiare al suo omonimo “tradizionale”!

Ingredienti per 4 persone:

n° ½ Tazza di noci del Brasile
n° 1 Tazza di Burro di Cocco
n° 1 Cucchiaio di olio extra vergine di oliva
n° 4 Cucchiaini di aceto di mele
n° 4 Cucchiaini di lievito di birra alimentare
n° 4 Cucchiaini di succo di limone
n° 1 Cucchiaino di sale marino
n° 1 Cucchiaino di foglie essiccate di basilico
n° 1 Cucchiaino di foglie essiccate di prezzemolo
n° ½ Cucchiaino di foglie essiccate di timo
n° ½ Cucchiaino di foglie essiccate di origano
n° ½ Cucchiaino di foglie essiccate di Maggiorana
n° 1/8 Cucchiaino di peperoncino di Cayenna macinato
n° ¼ Tazza di acqua (o quanto basta)

Attrezzatura:

Mixer

Procedimento:

Nel mixer frullare le noci del Brasile finché non sono ridotte finemente; aggiungere i restanti ingredienti e continuare a frullare fino ad ottenere una crema omogenea. Stendere il composto ottenuto su un piatto liscio o in uno stampo. Riporlo in frigorifero e lasciar riposare per circa 3 ore. Toglierlo dal frigorifero e tagliare il composto rappreso a cubetti di dimensioni a piacimento.

Frullato Proteico Energetico

La rapidità di preparazione di questa ricetta, associata alla ricchezza di sapori, potrà indurti a promuoverla come “cavallo di battaglia” soprattutto nelle assolate giornate estive, così da gustarla in compagnia. Casomai dovesse avanzarne, potrà essere conservato in un contenitore ermetico riposto nel frigorifero per un paio di giorni!

Ingredienti per 2 porzioni:
n° ¼ Tazza di Burro di Cocco
n° 2 Arance sbucciate
n° 1 e ½ Banana
n° 2 Cucchiai di proteine di canapa
n° 1 e ½ Cucchiaio di more bianche
n° 1 e ½ Cucchiaio di semi di chia
n° 1 Cucchiaio di mesquite
n° 2 Cucchiaini di maca
n° 1 e ½ Cucchiaino di bacche di goji
n° 2 Tazze di acqua (o quanto basta)

Attrezzatura:

Mixer

Procedimento:

Frullare tutti gli ingredienti in metà dell’acqua, fino ad ottenere una crema densa e omogenea. Aggiungere l’acqua rimanente fino ad ottenere un frullato liscio.
Qualora si desideri un frullato fresco, si possono utilizzare dei frutti precedentemente congelati, oppure utilizzare dei ghiaccioli al posto di una parte dell’acqua.

Cioccolata Calda Speziata

Questa ricetta, semplice e veloce, sarà in grado di convincere anche i più scettici di come si possano amalgamare ingredienti e sapori apparentemente poco conciliabili per creare un mix di sapori di assoluto effetto, in modo da cominciare bene la tua giornata, oppure più semplicemente per coccolarti e rilassarti nel corso della giornata stessa. Anche in questo caso, casomai dovesse avanzarne, una volta raffreddata potrà essere conservata in un contenitore ermetico riposto nel frigorifero per un paio di giorni!

Ingredienti:

n° ¼ Tazza di Burro di Cocco
n° ¼ Tazza di cacao in polvere
n° ¼ Tazza di anacardi
n° 4 datteri denocciolati
n° 1/8 Cucchiaino di peperoncino di Cayenna macinato
n° 1/8 Cucchiaino di zenzero macinato
n° 1/8 Cucchiaino di cannella macinata
n° 1/8 Cucchiaino di anice macinato
n° 1/8 Cucchiaino di chiodi di garofano macinati
n° 2 Tazze di acqua (o quanto basta)

Attrezzatura:

Mixer

Procedimento:

Frullare nel mixer tutti gli ingredienti fino ad ottenere una bevanda cremosa.

Torta di Carote

La preparazione di questa ricetta prevede l’uso di un robot da cucina e di un mixer, nonché di un po’ di spazio in un congelatore, per consentire alla tua preparazione di avere la giusta consistenza. Per questo motivo è previsto un tempo aggiuntivo, durante il quale quanto avrai preparato assumerà la giusta compattezza. Considerate le dosi “importanti” di quanto otterrai, qualora avanzassero delle porzioni, potrai conservarle in un contenitore ermetico riposto nel frigorifero per una decina di giorni, oppure, se collocate nel congelatore, per circa quattro mesi.

Ingredienti per 18 porzioni:

Dolce:

n° 3 e ½ Tazze di mandorle macinate
n° 2 ½ Tazze di datteri freschi o essiccati
n° 1 Tazza di noci tritate grossolanamente
n° 1 Tazza di uvetta
n° 12-13 Carote medie (circa 1-1,2 kg)
n° 1 Tazza di Burro di Cocco
n° 1 Scorza di arancia
n° 1 Scorza di limone
n° 2 Cucchiai di cannella macinata
n° 1 Cucchiaino di essenza di vaniglia
n° ½ Cucchiaino di chiodi di garofano
n° ½ Cucchiaino di zenzero macinaton°
½ Cucchiaino di sale marino
n° 1 e ½ Tazze di acqua (o quanto basta)

Glassa:

n° 1 Tazza di noci del Brasile
n° 1 Tazza di anacardi
n° ¼ Tazza di succo d’agave
n° 1 Arancia spremuta
n° ½ Limone spremuto
n° 2 Cucchiai di Burro di Cocco
n° 1 Cucchiaio di lecitina di girasole (o lecitina di soia)
n° ½ Cucchiaino di chiodi di garofano
n° ¼ Tazza di acqua (o quanto basta)

Attrezzatura:

Robot da cucina e Mixer

Procedimento:

Frullare nel robot da cucina tutti gli ingredienti del dolce, tranne l’uvetta e le noci, fino ad ottenere un composto omogeneo. Effettuare la frullatura in più volte, compatibilmente alla capacità del “bicchiere” del vostro robot. Una volta terminato di frullare, incorporare con un cucchiaio l’uvetta e le noci nel composto ottenuto.
Suddividere l’impasto così ottenuto in due grandi tortiere a cerniera di circa 25 centimetri di diametro. Riporre gli impasti ottenuti nel congelatore, il tempo necessario alla preparazione della glassa.
Versare tutti gli ingredienti per la glassa nel mixer e frullare fino ad ottenere una crema omogenea e senza grumi. Prelevare gli impasti precedentemente riposti nel congelatore e spalmarvi sopra la glassa. Riporli nel frigorifero e lasciarli addensare per circa due ore.
Una volta rassodati i due dolci sovrapporli strato su strato in quest'ordine: dolce, glassa, dolce, glassa.

Torta al Cioccolato

Anche per la preparazione di questa ricetta è necessario l’uso di un robot da cucina e di un mixer, nonché di un po’ di spazio in frigorifero, per consentire alla tua preparazione di avere la giusta consistenza. Per questo motivo è previsto un tempo di attesa supplementare, durante il quale quanto avrai preparato assumerà la giusta compattezza. Come di consueto, qualora avanzassero delle porzioni, potrai conservarle in un contenitore ermetico riposto nel frigorifero per una decina di giorni, oppure, se collocate nel congelatore, per circa quattro mesi.

Ingredienti per 9 porzioni:

Dolce:

n° ¼ Tazza di nocciole
n° ¼ Tazza di noci del Brasile
n° ¼ Tazza di datteri freschi o essiccati
n° 3 Cucchiai di noce di cocco grattugiata
n° 1/8 Cucchiaino di sale marino
n° ¼ Tazza di acqua (o quanto basta)

Mousse:

n° 1 Tazza di nocciole
n° 1 Tazza di anacardi
n° ½ Tazza di noci
n° ¼ Tazza di Burro di Cocco
n° ½ Tazza di olio di cocco
n° ½ Tazza di datteri freschi o essiccati
n° ¾ Tazza di noce di cocco grattugiata
n° 1/3 Tazza di cacao in polvere
n° 3 Cucchiai di succo d’agave
n° 2 Cucchiai di scaglie di fave di cacao
n° ½ Cucchiaino di essenza di vaniglia
n° 1/8 Cucchiaino di sale marino
n° 1 Tazza di acqua (o quanto basta)

Parigina:

n° ½ Tazza di noce di cocco grattugiata
n° ½ Tazza di cacao in polvere
n° ¼ Tazza di succo d’agave
n° 2 Cucchiai di olio di cocco
n° 2 Cucchiai di lecitina di girasole (o lecitina di soia)
n° ½ Cucchiaino di succo di limone
n° ¼ Tazza di acqua (o quanto basta)

Attrezzatura:

Robot da cucina e Mixer

Procedimento:

Iniziamo dal Dolce.
Frullare nel robot da cucina tutti gli ingredienti del dolce, tranne le scaglie di fave di cacao, fino ad ottenere un impasto croccante, ma uniforme. Si abbia l’accortezza di frullarlo per un tempo breve, al fine di evitare che le noci del Brasile divengano burro. Aggiungere le scaglie di fave di cacao nel robot da cucina e frullare ancora qualche secondo per incorporarle nel composto, ma lasciandone dei pezzi interi. Stendere il composto ottenuto sul fondo di una tortiera a cerniera di 20 centimetri di diametro.
Per la mousse inizia versando nel robot da cucina tutti gli ingredienti della mousse ad eccezione delle scaglie di fave di cacao e dell’olio di cocco. Frullare fino ad ottenere una crema omogenea e senza grumi. Aggiungere l’olio di cocco, continuando a frullare per incorporarlo. Infine aggiungere le scaglie di fave di cacao frullando ancora per qualche secondo per incorporarle nel composto, ma lasciandone dei pezzi interi.
Spalmare la mousse ottenuta sulla base già disposta precedentemente nella tortiera.
Per la parigina versare nel mixer tutti gli ingredienti tranne il cacao in polvere e frullare fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungere, infine, il cacao in polvere, frullando fino ad ottenere una crema omogenea.
Versare la parigina sopra la mousse, quindi riporre la tortiera nel frigorifero per circa tre ore per farla rassodare.

^ Torna all'inizio del paragrafo Ricette con il Burro di Cocco

 

Il Burro di Cocco Crudo Bio by CiboCrudo

Dopo esserci soffermati sulle origini, la storia, la tradizione, sui valori nutrizionali e sui benefici che si possono trarre dall’utilizzo dei princìpi attivi del Burro di Cocco nella nostra alimentazione, secondo i più recenti studi scientifici, ora parliamo un po’ del Burro di Cocco by CiboCrudo e del perché di una scelta, punto focale importante nella “mission” di CiboCrudo, ovvero offrire un prodotto di massima qualità, ottenuto nel rispetto di ciò che la Terra ci mette a disposizione, certificato secondo le norme comunitarie in materia di agricoltura biologica.
Tutto ciò perché, in primis, siamo noi stessi consumatori di cibo crudo e crediamo con tutte le nostre energie nel contributo che i loro princìpi attivi possono dare al nostro benessere.
Ti racconteremo anche qualcosa dei produttori che abbiamo scelto per offrirti il meglio affinché tu possa comprendere il valore di una scelta!

> Lista Argomenti:

Il Burro di Cocco by CiboCrudo
Certificato e Biologico

 

Il Burro di Cocco by CiboCrudo

Per prima cosa è importante sottolineare che i fornitori del cocco diretti in Europa sono in realtà pochissimi ed il nostro è uno di questi, in un rapporto commerciale basato sulla fiducia e consolidatosi oramai in molti anni.
Il nostro fornitore è innanzitutto un fornitore affidabile, dal 2004 sul campo del biologico, ed offre la vendita del cocco a 360°: quindi, solo 100% materie prime senza l’aggiunta di conservanti e/o additivi. Il Burro di Cocco by Cibo Crudo proviene dallo Sri Lanka, da zone incontaminate: è un prodotto naturale a base di polpa di cocco finemente macinata, non è stato sbiancato e la cosa fondamentale è che è un prodotto crudo.
Quando compri il Burro di Cocco noterai che nel barattolo di vetro c'è molta divisione con l'olio di cocco, che resta nella parte superiore: tutto quello che devi fare è immergere il vaso di vetro in poca acqua calda per qualche minuto per ammorbidirlo, quindi mescolare bene per combinarlo.
Se si separa di nuovo, basta ripetere il processo.

Certificato e Biologico

Il Burro di Cocco by CiboCrudo può vantare la certificazione biologica, così come altri nostri prodotti. Questo sigillo ti garantisce un controllo meticoloso sulla filiera produttiva, dalla coltivazione alla distribuzione, in modo da far arrivare direttamente a casa tua solo prodotti di eccellenza. La certificazione biologica è una sicurezza per te. Ti fornisce certezze sulla provenienza degli alimenti e sul rispetto dei principi Bio da parte dei fornitori. Mentre per noi è un orgoglio poterla esibire. È il sigillo che attesta il risultato del nostro lavoro: un severo controllo di selezione per offrirti prodotti crudi dal miglior rapporto qualità/prezzo.

^ Torna all'inizio del paragrafo Burro di Cocco by CiboCrudo

 

Burro di Cocco: Curiosità

In quest’ultima sezione dedicata al Burro di Cocco ci soffermeremo su qualche particolare legato all’interazione dell’uomo con questo “gigante della natura” (la palma da cocco).

> Lista Argomenti:

Curiosità sul Burro di Cocco

 

Curiosità sul Burro di Cocco

In alcune zone del sud-est asiatico, tenuto conto della considerevole altezza della palma da cocco, per effettuare la raccolta si ricorre a delle scimmie addestrate, che, se molto abili, sono in grado di raccogliere anche sette noci in due minuti e cinquecento in un’intera giornata.

^ Torna all'inizio del paragrafo Curiosità sul Burro di Cocco

 

Nota Importante:

Tutte le informazioni riportate hanno puramente scopo didattico, per approfondirne il significato > leggi il Disclaimer



Le informazioni riportate, non sono da intendersi come sostitutive di un parere medico e le proprietà descritte, salvo dove precisamente indicato, sono presunte e senza evidenze scientifiche.


Disclaimer

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Burro di Cocco commenti

Scrivi il tuo commento

Seguici Su...