La rivoluzione crudista

Autore: CIBOCRUDO

Dal Mal...Essere al Ben....Essere

La rivoluzione crudista, scritto da due esperte di nutrizione vegetale e da una nota chef vegana, è una guida completa per chiunque voglia avvicinarsi alla scelta raw.
 
Nella prima parte del libro le autrici raccontano il percorso che le ha portate a diventare crudiste e i benefici che hanno potuto sperimentare: aumento di energia, minore necessità di dormire, una maggiore lucidità mentale e un aspetto più giovane e sano.
 
Segue una parte teorica, di facile consultazione grazie anche a comode tabelle, che sono uno tra i punti di forza del libro; molto utile a proposito è quella relativa al contenuto proteico degli alimenti vegetali crudi, ma anche quella sui germogli con tante indicazioni sui tempi di ammollo, metodi di conservazione e impiego (paté, insalate, zuppe) e infine uno schema pratico per chi vuole sostituire le vecchie cattive abitudini, come l’uso di zucchero raffinato, carne e latticini, con altre più salutari.
 
Nella parte centrale del libro le autrici spiegano come organizzare la propria dispensa, con diversi spunti
 
per poter adattare il consumo di cibi crudi alle stagioni. A questo proposito, molti si chiedono come si possa seguire una dieta raw in un clima freddo. In realtà cibo crudo non significa cibo freddo; in inverno infatti per soddisfare il bisogno di calore basta seguire qualche semplice accorgimento, per esempio usare acqua calda per frullati e zuppe, risciacquare con acqua tiepida gli alimenti conservati in frigorifero prima di consumarli, bere una tazza di infuso allo zenzero o zuppa di miso prima di iniziare il pasto (che oltretutto aiuta a ridurre l’appetito senza aggiungere calorie).
 
Infine, nella terza e ultima sezione, sono presenti 150 ricette collaudate, molte delle quali fattibili in poco tempo, senza particolari strumenti o ingredienti ‘strani’. Questo, a nostro avviso, è un altro punto di forza del libro. É infatti opinione piuttosto diffusa che sia difficile o complicato iniziare una dieta crudista, che la preparazione richieda troppo tempo e attrezzature particolari. A dire il vero può essere tanto semplice quanto sbucciare una Banana o più complesso quanto preparare un gelato di Banane (p. 289), magari con una coulis di frutta (p. 291). Quanto tempo passare in cucina sta solo a noi. In realtà, a ben vedere, un frullato di frutta fresca o una zuppa, non richiedono molto lavoro e sono comunque appaganti.
 
A rendere più completa la sezione dedicata alle ricette si trovano anche 6 menù, che vanno dalla colazione alla cena. Quello che ci è piaciuto è che per 5 di questi sono sufficienti un normale Frullatore e un mixer. Solo per il n. 6 è previsto l’ Essiccatore, che magari non tutti hanno a disposizione.
 
Tra le ricette assolutamente da provare segnaliamo la tapenade di Pomodori Essiccati al sole, l’hummus di ceci germogliati e il paté di Lenticchie con erbe aromatiche.
 
E il bello è che non occorre mettersi ai fornelli

Commenti

Accedi per commentare.