Composte, quelle vere!

Data pubblicazione: 14/12/2016


composte-quelle-vere

Riscoprire il gusto vero, quello naturale. Riuscire finalmente ad apprezzare un cibo per quello che dovrebbe essere davvero. Te lo assicuro, è una sensazione meravigliosa!
Tutti siamo abituati a mangiare marmellata: nei dolci, a colazione, qualcuno perfino al cucchiaio. E’ qualcosa che fa parte della nostra cultura. Ma, a meno che non abbiamo la grande fortuna di avere in casa qualcuno che sa farle “a mano”, cioè in maniera artigianale, praticamente non possiamo dire di aver davvero assaggiato la marmellata. Che poi, a bene vedere, utilizzare il termine marmellata è un errore. Così si dovrebbero chiamare solo quelle a base di agrumi, mentre per tutti gli altri frutti si dovrebbero utilizzare i termini confetture o composte, con delle differenze fondamentali che tra poco vedremo insieme.

I processi industriali che stanno dietro quei barattolini spesso così carini che vediamo esposti in negozi o supermercati, hanno davvero poco a che fare con la naturalità di questo cibo che dovrebbe essere frutta spalmabile, ma, se andiamo a vedere l’etichetta, molte volte la percentuale di Albicocche, pesche, susine o altro è davvero irrisoria.
Perché accontentarsi dunque di qualcosa che non è il meglio? Un consiglio: prova le nostre Composte Solo Frutta ed ogni parola sarà superflua. La differenza c’è, e si vede e sente benissimo!
Finchè non le avrai assaggiate però, spetta a noi convincerti a provarle. E allora, qualche dettaglio iniziamo a svelartelo!
Pere, Pesche, Susine e Ciliegie: per tutte loro, valgono le informazioni che stiamo per darti.
Per prima cosa una sottolineatura che in pochi conoscono. Sai che differenza c’è tra composta e confettura? Il confronto si gioca sul tavolo del rapporto tra quantità di zucchero e frutta. Nelle confetture il valore di zucchero è abbastanza elevato e la percentuale di frutta presente difficilmente supera il 40%, mentre nelle Composte la frutta prevale per l’80% e la quantità di zucchero deve essere ridotta.
Bene, le nostre composte contengono il 140% di frutta e o zuccheri aggiunti.

Già da qui puoi capire che la qualità di quello che ti proponiamo è davvero elevata. Ma siamo solo all’inizio!
Sai che come filosofia aziendale facciamo molta attenzione a che le lavorazioni siano fatte ad una temperatura che non danneggi i componenti essenziali del cibo, ma mantenga tutti gli attivi e le conseguenti proprietà benefiche. Questo vale anche per le composte che sono cotte a bassa temperatura – massimo 60°; inoltre viene utilizzato il metodo sottovuoto per estrarre l’acqua contenuta nella frutta stessa e fare in modo così di concentrare la polpa in modo naturale e semplice, senza dover ricorrere all’utilizzo di pectina o altri addensanti.

Qualche parola poi merita di essere spesa per quanto riguarda la selezione della frutta. Viene scelta solo la frutta migliore, raccolta al giusto stato di maturazione e vengono selezionate le varietà di frutta a seconda della lavorazione; per esempio per la Composta Solo Susine vengono utilizzate solo susine Stanley.
Ora che sai tutto, non ti resta che provarle! https://www.cibocrudo.com/alimenti-bio/marmellate-e-confetture

Commenti

Accedi per commentare.