Il Benessere che viene dal mare

Data pubblicazione: 17/07/2017


cibocrudo

Per noi occidentali è davvero strano: le uniche alghe alle quali siamo abituati a pensare, soprattutto noi italiani, sono quelle che ci infastidiscono sulla battigia quanto ci vogliamo fare una passeggiata oppure che calpestiamo in acqua in giornate in cui il mare non è particolarmente pulito.
Ecco, togliti questa immagine dalla mente perché quello di cui stiamo per parlare è tutt’altra cosa!
Una cultura diametralmente opposta alla nostra, quella Orientale che da sempre punta all’equilibrio tra mente e corpo, credendo fortemente nel duplice scambio tra l’Uomo e la Natura, ha molto da insegnarci da questo punto di vista. E non è affatto un caso se le alghe fanno parte dell’alimentazione di questi paesi, stimate per tutte le proprietà dei loro attivi e considerati a tutti gli effetti un cibo tra i più nutrienti ed interessanti.
Solo da poco la conoscenza delle Alghe si è fatta strada anche tra i meandri della nostra tradizione culinaria, andando ad aprire nuovi scenari che i più attenti si sono premurati immediatamente di conoscere ed approfondire, sia a livello alimentare che topico.
E allora: quali alghe inserire nella nostra alimentazione? E perché?
Facciamo insieme una breve panoramica.
iniziamo intanto col dire che le alghe assorbono direttamente dall’acqua molti dei componenti che possono essere utili a coadiuvare il nostro benessere, che in questo habitat possono trovarsi in concentrazioni maggiori rispetto che nel terreno: la mancanza di radici fa in modo che i nutrienti si distribuiscano direttamente sulla superficie delle alghe.
Ovvio che anche per questo alimento vale lo stesso principio: se consumate cotte, perdono parte dei loro attivi! Ecco allora che le strade da seguire possono essere due: in polvere o essiccate al sole.
Quelle di cui avrai maggiormente sentito parlare, e che trovi in vendita sul nostro sito, sono le Alghe Dulse, le Alghe Irish Moss, le Alghe Kombu e le Alghe Wakame: conosciamone alcune caratteristiche in modo che tu poi possa approfondire quelle che trovi più interessanti.
La Dulse ha attivi che proteggono la pelle dai raggi UV (1*) e contiene antiossidanti (2*), in grado di aiutare il nostro sistema immunitario; le Irish Moss hanno attivi dalle proprietà antitumorali (3*) ed antinfiammatorie (4*); le Wakame hanno princìpi in grado di aiutare a combattere l’ipertensione (5*) e che favoriscono la digestione (6*); infine le Kombu sono ricche di iodio (7*), la qual cosa è molto interessante soprattutto per chi ha problemi di tiroide.
Una panoramica come questa non può certo essere esaustiva, ma ci serve per farti capire che se decidi di aprire le porte della tua cucina anche a questo nuovo ingrediente, beh...il tuo benessere non potrà che ringraziarti!

 

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4515944/

2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26254196
3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15082028

4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12769480

5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12542452

6* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1956127
7* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18008093

 

 

 

Commenti

Accedi per commentare.