4.9 /5
3675 RECENSIONI
Per informazioni
0774 790 100
Spedizione 7.90 € Gratuita da 59 €
Reso Rapido e sempre Gratuito
Ordina entro minuti
per avere la consegna
Alimenti e Superfood più nutrienti
perchè lavorati a basse temperature
Ciao,
Accedi
(0)

Il tuo carrello è vuoto

Rigenerare corpo e mente dopo le feste? Prova la detox!

share listen on itunes listen on soundcloud listen on spotify listen on spreaker listen on youtube listen on google podcast listen on google tuinein
share facebook tweeter whatsapp rss gmail
listen on itunes listen on soundcloud listen on spotify listen on spreaker listen on youtube listen on google podcast listen on google tuinein
Rigenerare corpo e mente dopo le feste? Prova la detox! Anche se sei attento all’alimentazione, sicuramente durante le feste hai un po’ esagerato: tranquillo capita a tutti. In questa puntata parleremo della detox, perfetta per rimettersi in carreggiata in questo periodo, ma che io ti consiglio di fare ogni tanto, per ripulire il tuo corpo da tutte le tossine. E se vuoi iniziare un percorso di cambiamento verso il crudismo, questo è proprio il primo passo da fare! Che cosa si intende quando si parla di disintossicazione o di detox? È solo una moda del momento o c’è di più? “Dal mio punto di vista la detox è sia il punto di partenza per chi vuole passare ad un’alimentazione a base vegetale, meglio ancora se crudismo 80-20, e un momento che, ad intervalli regolari, tutti dovrebbero concedersi per ricalibrare l’equilibrio del proprio fisico”. Quindi dai molta importanza al detox. Ci spieghi perché? “Per la propria sopravvivenza fisica l’uomo ha da sempre delle priorità ed alimentarsi rappresenta ovviamente una di queste, forse la più importante. Nel corso dell’evoluzione, il nostro organismo si è programmato per conservare e far fruttare quanto più possibile il nutrimento che riceve. Questo era utile soprattutto prima della società dell’opulenza nella quale noi oggi viviamo e dove sprechiamo molto, perché abbondiamo con il cibo, oltre le quantità che ci servirebbero. E comunque siamo abituati a mangiare molto di più di quello di cui oggettivamente necessitiamo. Tuttavia, i tempi delle carestie, epidemie, guerre, nelle quali il cibo scarseggiava e quindi il corpo doveva fare scorta, non sono ancora così lontane affinché la nostra memoria biologica le abbia dimenticate: il nostro organismo continua ad accumulare la quantità in eccesso perché crede che poi magari domani potrebbe non mangiare. Quindi, mangiamo troppo e male ed accumuliamo grasso e tossine, che vengono conservate dal nostro corpo per essere rimesse in circolo, in teoria, quando servono. Ma capisci bene da solo che, se continuiamo a mangiare in eccesso, queste riserve non le andremo mai a toccare e quindi si accumuleranno sempre di più!”. In pratica un circolo vizioso che ci fa accumulare non solo grasso, ma anche tossine e materiale di scarto, giusto? “Esattamente! E, come già più di una volta ho accennato nelle puntate del podcast, l’eliminazione delle tossine e degli scarti metabolici è un processo attivo che richiede molta energia. Ma i nostri problemi moderni con l’accumulo di tossine e grassi non finiscono con la quantità di cibo che ingeriamo. Rispetto al passato, facciamo anche molto meno movimento: siamo diventati sedentari per natura e se non ci sforziamo di fare attività fisica, inseriamo un altro carico negativo per il nostro corpo. Non muovendoci non consumiamo energia e quindi ancora di più, non abbiamo bisogno di toccare le riserve che il nostro corpo mette da parte quotidianamente visto che mangiamo più del dovuto”. E la digestione in tutto ciò? “Soffre! Perché la digestione è un processo che richiede grande energia al nostro corpo, così come l’assimilazione dei nutrienti. Se mangiamo alimenti vegetali e crudi, allora questi contengono direttamente gli enzimi che ci sono utili per la digestione e quindi ci danno una mano a rendere il processo più agevole e a consumare meno energie e dunque “stancare” meno il nostro corpo. Quando invece lui si trova a dover digerire quantità di cibo troppo elevate e oltretutto complesse da digerire perché cotte e dunque senza enzimi al loro interno, diventa un super lavoro! Paradossalmente quindi, mangiare in continuazione, anziché caricarci, toglie energie al nostro organismo”. Ed ecco perché serve una detox! “Per ripulire il corpo da tossine e riserve in eccesso e resettare il lavoro dell’organismo. Ovvio che poi, se fai la detox ma ricominci come prima...serve a poco! Dovrebbe essere il primo passo per rimettersi in carreggiata, il primo step del cambiamento. E poi una costante, da fare ogni tanto, quando magari si esagera un po’ come durante il periodo delle feste o magari in vacanza che ci lasciamo un po’ andare”. Che cosa consigli tu? “Per la detox, io condivido la visione dell’igiene naturale che consiglia di rispettare i ritmi circadiani. Questi ultimi, comprendono 8 ore di assimilazione durante le quali si mangia, 8 ore di appropriazione durante le quali il corpo si appropria degli elementi presenti nel cibo e 8 ore di eliminazione, durante le quali il corpo lavora per processare e convogliare all’esterno le scorie metaboliche. Oltre a rispettare i ritmi circadiani, il consiglio è di diminuire il carico di cibo: se mangi di meno il corpo è costretto ad usare il grasso conservato e quindi si liberano anche le tossine varie che entrano in circolazione e vengono smaltite degli organi emuntori, che sono intestino, reni, polmoni, pelle”. Anche se molto ci hai già detto sopra, voglio puntualizzare un aspetto: perché è importante fare un periodo di detox? “I motivi sono diversi. Per prima cosa, per tenere in equilibrio anabolismo e catabolismo. In pratica, il metabolismo, che è l’insieme delle reazioni chimiche che avvengono nel nostro organismo, si divide appunto in questi due insiemi di azioni, diciamo così: il catabolismo consiste nella degradazione di molecole complesse in molecole più semplici con una produzione di energia; l’anabolismo, al contrario, è la sintesi di molecole complesse a partire da molecole semplici e produce un consumo di energia. La detox ha l’effetto di innescare meccanismi anabolici e dunque ci aiuta a consumare energia ed eliminare così le riserve di grasso e le tossine accumulate. Altro motivo da tenere presente è che ogni cellula del nostro corpo produce degli scarti, che devono essere eliminati. Se così non fosse, questi scarti si accumulerebbero, favorendo l’acidosi che è molto pericolosa per il nostro corpo. Ma a questo concetto specifico dedicherò una puntata del pod, quindi ora non voglio dilungarmici. Basti sapere che anche in questo caso, la detox è utile perché permette di eliminare le scorie prodotte naturalmente dalle cellule. L’igiene naturale, alla quale la mia idea di detox si rifà molto, indica nella tossiemia - la presenza in circolo di sostanze tossiche – la causa primaria di molte malattie. Da qui deriva l’ovvietà che l’alimentazione corretta, quella che non favorisce l’accumulo di tossine, è la nostra prima arma contro questo problema”. Le tossine le accumuliamo solo alimentandoci? “No, le tossine non sono solo gli scarti prodotti dalla digestione degli alimenti, ma possiamo acquisirle anche respirandole e per contatto con la nostra pelle. Purtroppo siamo sottoposti continuamente a stress ed esposti a vari inquinanti nell’aria”. Il ruolo della detox in questo panorama di tossine? “La detox è il nostro momento di pulizia: evita carenze di nutrimenti fondamentali e ne massimizza l’assorbimento, evita squilibri intestinali dovuti a gas nocivi che si creano dalla combinazione errata degli alimenti, aiuta ad eliminare le tossine in circolo accumulate in anni di alimentazione sbagliata. Un corpo pulito è un corpo sano!”. Come si inizia e quanto dura un periodo detox? “Un periodo di detox deve durare all’incirca una decina di giorni, per rigenerare l’intestino ed il corpo in genere, facendo un’operazione di ripulitura. Lo schema che più o meno puoi seguire è questo: -la mattina si beve, quindi digiuno fino alle 12, con solo acqua e limone ed estratto di frutta e verdura come merenda -a pranzo, una mega insalata con varie noci o semi oleosi o germogli. Importante è che sia poco condita e comunque con olio, limone, sale oppure olio, aceto di mele crudo sale. Per l’olio attieniti sempre ad un cucchiaino -merenda pomeridiana, frutta fresca o frullato verde -a cena inizia con verdura cruda e aggiungi o un 60 g di pseudocereali che possono essere riso, grano saraceno, miglio, quinoa, tef oppure un piatto di legumi secchi sui 40 g. Puoi anche aggiungere un piatto di verdura cotta, possibilmente a vapore, oppure essiccata. E come ci si sente all’inizio della fase detox? Subito a 1000? “Se il tuo corpo per qualche anno è stato intossicato da elementi che non gli facevano per niente bene, per smaltirli tutti ci vuole. Puoi anche smaltirli nel corso dei mesi, ma se fai la detox otterrai più rapidamente i benefici e quindi poi continuerai. La prima volta che farai la detox potrai, anche se non capita a tutti e dipende dal tuo stato di partenza, avere dei fastidi e potresti stare con qualche piccolo malessere, tipo mal di pancia, lieve febbre o mal di testa; nulla che non si sopporti, ma può farti sembrare che ci sia qualcosa che non va, invece è la strada giusta: è necessario fare questo sacrificio per resettare, altrimenti non digerisci bene, non assimili bene e ti porti dietro anni di accumuli e ti sarà più difficile mangiare pulito. Se hai già fatto altre volte la detox, vedrai che questi fastidi non li senti più e puoi anche ridurre un po’ il periodo rispetto ai 10 giorni che ti consigliavo prima”. Quali cibi dobbiamo proprio escludere quando siamo in fase detox? “Oltre ai cibi di origine animale, che quelli secondo me devono proprio essere esclusi del tutto dalla dieta per stare bene, devi fare a meno di: • zuccheri • glutammato • sale • caffè • alcool”