Testimonianza di Alberto.

(0)

Avere il colesterolo alto significa doversi tenere costantemente sotto controllo e poter incorrere in patologie, più o meno collegate, anche molto gravi: quando una trombosi mi ha quasi ucciso, l’ho sentito forte e chiaro sulla mia pelle che dovevo trovare una soluzione. Pane e medicine erano la mia alimentazione quotidiana ma nonostante ciò non trovavo alcun giovamento, anche se li prendevo in maniera costante, come se fossero solo capaci di nascondere certi valori ai test. Non posso non ringraziare la scienza medica, che oggi mi permette di essere ancora qui dopo la trombosi, ma mia colpa essere arrivato a quel punto! Ammetto che sono sempre stato piuttosto scettico nel pensare che problematiche serie come le mie potessero risolversi a tavola o con il movimento. Vegetariani e vegani non ne conoscevo molti, sapevo che esistevano e raramente li sentivo raccontare di quanto la loro vita fosse cambiata e i lori problemi di salute migliorati. Cosi alla fine, grazie ad un mio parente stretto che mi ha convinto mi sono detto” proviamo!”. Ho eliminato del tutto latticini e carne, aumentato la verdura e la frutta fresca, inserito semi di Chia e semi di cacao. Il risultato è stato strabiliante! I miei livelli di colesterolo sono ai minimi storici e non sento più la spada di Damocle che pende sulla mia testa! Se prima ero scettico, ora che ho provato sulla mia pelle posso dire che una corretta e sana alimentazione è l’unica via per stare bene, insieme a porzioni dosate, per rimanere sempre con un po’ di fame! E se i primi 3/6 mesi possono essere faticosi, soprattutto a livello mentale, per chi è abituato ad essere onnivoro e riempire il piatto e o stomaco fini a traboccare, la meta vale senza dubbio il viaggio! Non esistono pillole magiche che ci facciano stare bene: le medicine tamponano, l’alimentazione guarisce!

Commenti

Accedi per commentare.