Rosanna Gosamo

(0)

Da una decina d'anni avevo iniziato a diradare il consumo di carne, fino ad abbandonarla del tutto. Avevo diradato molto anche il consumo di pesce, ma quando sono arrivata al crudismo vegano ne mangiavo ancora un po' ed ero convinta che fosse necessario sostituire adeguatamente le proteine che non introducevo attraverso la carne. Ho provato per la prima volta a mangiare tutto crudo nell'arco di una giornata come adesione ad un'iniziativa depurativa della mia famiglia energetica (la community di Progetto Raphael- www.raphaelproject.com) e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Da là, ho cominciato ad Informarmi sul crudismo vegano e a sperimentare in prima persona. Condividevo già  i presupposti etici e la mia preparazione professionale ha supportato ampiamente i principi teorici sottostanti la scelta di un'alimentazione cruda e vegana. Con il passare dei mesi, dopo un primo approccio assolutista durante il quale ho avuto modo di elaborare diversi conflitti psicologici riguardo al cibo, ho reintrodotto una quota di cotto per poi proseguire la transizione al crudo in modo più graduale ed armonico. Ora sono tornata al crudo totale, alleggerita dalle dipendenze psicologiche da pane, pasta, farinacei, cereali, sale e zucchero (il caffè l'avevo già  perso per strada da diversi anni). Mi capita ancora di mangiare cotto, di quando in quando, ma non ho più un desiderio smodato, segnale di dipendenza, bensì una scelta ponderata da situazione a situazione. Anche riguardo al cotto, poi, esiste una maniera intelligente di alimentarsi, con cotture brevi, conservative. Ho potuto sperimentare che, avendo in mente la necessaria preparazione teorica e conoscendo la giusta meta (che per me è il ritorno al naturale) aiuta il corpo stesso a dirigere i tempi e i modi di transizione e privilegia di gran lunga gli alimenti crudi. Con questa alimentazione sono guarita dalla gastrite cronica che mi angustiava con una terribile acidità  di stomaco, ho regolarizzato l'intestino che prima soffriva per irritabilità  e costipazione, ho neutralizzato la sonnolenza post-prandiale che mi assaliva ogni giorno, sono tornata al peso che avevo a 18 anni ed ora sto coadiuvando l'eliminazione di una massiccia dose di mercurio, dovuto alla rimozione (eseguita una decina di anni fa senza protezione) di diversi amalgami dentali.

Commenti

Accedi per commentare.