Triphala

In Polvere Crudo - Triphala Powder Raw - 150g
Triphala 150g

Clicca per ingrandire

Triphala 150g Triphala in Polvere 150g Triphala Polvere 150g Triphala Powder 150g
Etichetta

0.0 / 5

: 0
: 0
: 0
: 0
: 0

Formato disponibile

Seleziona la quantità:

Prezzo:

14,70

Disponibilità:

Immediata


Chiedi info su questo prodotto

Triphala

Crudopedia
by CiboCrudo

Introduzione:

Triphala: Descrizione Breve

“L'unione fa la forza!”, questo detto che sicuramente conoscerai si applica a molti contesti. Quando c'è sinergia e cooperazione si hanno risultati migliori. Questo vale anche in campo alimentare. Ciò è efficacemente dimostrato dalla Triphala, un'antica miscela indiana composta da tre frutti benefici: Emblica officinalis (Amla o Amalaki), della Terminalia Chebula (Haritaki) e della Terminalia Bellerica (Bibhitaki). Ognuno di questi frutti esercita già una funzione benefica sul nostro organismo, ma la loro unione, nelle dosi equilibrate, rende questa miscela un'efficace fonte di princìpi salutari, che possono sostenere e riequilibrare il nostro benessere generale. Non a caso questa sapiente miscela è apprezzata da millenni in India, ed è considerata una delle preparazioni fondamentali nella medicina ayurvedica. Addirittura un antico proverbio recita: “Non hai la mamma? Non ti preoccupare finché hai la Triphala”, in quanto questa miscela si prenderebbe cura dei nostri organi interni, come fa una madre con i suoi figli. Potrebbe essere un'esagerazione? Forse. Ma la moderna ricerca scientifica si sta interessando molto di questa triplice miscela ed ha confermato alcune delle benefiche proprietà dei suoi princìpi attivi. Ti invito a conoscere meglio la Triphala, la sua storia e le sue proprietà, leggendo l'interessante scheda che segue. La Triphala è un’antica ricetta della tradizione ayurvedica ed è considerata come una leggendaria “panacea”. A livello popolare è ampiamente utilizzata nel subcontinente indiano per gli utilizzi più svariati: per ritrovare la regolarità della digestione, come purificante e contro le infezioni. Come avrai modo di scoprire in questa scheda, spesso il confine tra saggezza popolare e certezza scientifica è labile. Infatti, vedrai come numerosi studi hanno confermato le proprietà dei princìpi attivi contenuti in questo integratore. Ma andiamo con ordine e iniziamo una breve panoramica per scoprire le caratteristiche di questo prodotto.

> Lista Argomenti:

Triphala
Sintesi Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi
Sintesi Valori Nutrizionali
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Triphala

Triphala vuol dire letteralmente "tre frutti", poiché la ricetta originale prevede di mescolare in parti uguali la parte essiccata di tre diversi tipi di frutto: la Terminalia chebula, la Terminalia belerica e la Emblica officinalis. Si tratta di piante assai diffuse in India e selezionate dall'antica medicina Ayurvedica già un millennio prima di Cristo. Oggi la Triphala è ampiamente studiata a livello scientifico per cercare una conferma delle presunte proprietà dei suoi princìpi attivi.

Sintesi Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

La ricerca scientifica (*1) ha rinvenuto nella Triphala numerose sostanze dai potenziali benefici, come flavoni, acido gallico e antiossidanti. I ricercatori hanno trovato una proprietà efficace per il colon dovuta ai fenoli e agli antiossidanti (*2). L'acido gallico sembra apportare benefici alla prostata, come sostengono alcuni studi (*3). La ricerca (*4) sembra aver anche confermato l'aiuto per una migliore digestione, dovuto alla presenza di fibre e polisaccaridi. Si tratta solo di alcune delle proprietà associate ai princìpi attivi della Triphala e non meno importante è il suo profilo nutrizionale.

Sintesi Valori Nutrizionali

La Triphala è un integratore alimentare a basso contenuto di grassi, affermazione avallata dalla Commissione Europea. Questa preparazione, infatti, ha un contenuto di grassi ben al di sotto del limite previsto dei 3 grammi per etto. Inoltre ha un alto quantitativo di fibre (oltre 40 grammi per etto). Secondo la ricerca (*5), assumere queste sostanze consente di ridurre il rischio di contrarre malattie anche gravi, come i disturbi cardiovascolari.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Per avere un quadro completo delle informazioni riportate, ti consigliamo di seguire i link alle ricerche scientifiche che abbiamo utilizzato per la scrittura di questa sezione.

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4033874/
2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4488090/
3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3328776/
4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3193686/
5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19335713

^ Torna all'inizio del paragrafo Triphala: Descrizione Breve

 

Approfondimento:

Cos'è la Triphala

Immaginiamo che la breve introduzione sulla Triphala ti abbia fatto venir voglia di saperne di più. E in effetti, c’è molto da scoprire su questa antica preparazione tradizionale. La Triphala è infatti una ricetta tanto antica quanto importante nella cultura popolare del subcontinente indiano. E come scoprirai tra poco, la sua leggenda si fonde con la tradizione di una delle più antiche discipline filosofiche dell’umanità. Conosciamo più da vicino questa mitica miscela vegetale!

> Lista Argomenti:

Descrizione e Habitat
Storia e Tradizione
La Produzione di Triphala
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Descrizione e Habitat

La Triphala è una ricetta tradizionale a base di erbe della tradizione Ayurvedica. Si prepara essiccando e riducendo in polvere i frutti di tre diversi tipi di piante, che poi vengono mescolate in parti uguali. Triphala significa, appunto, "tre frutti". Le piante utilizzate sono la Terminalia chebula (mirobolano), la Emblica officinalis (amla) e la Terminalia belerica. Tutte piante diffuse nel subcontinente indiano e nelle quali la scienza (*6) ha rinvenuto importanti sostanze. L’Emblica officinalis contiene infatti acido ascorbico, flavonoidi, acido gallico, tannini e cumarina. Nella Terminalia chebula sono state rinvenute arjungenina, acido gallico, acido chebulico e cumarina. Princìpi Attivi simili sono presenti anche nella Terminaria belerica.

Storia e Tradizione

La storia della Triphala è strettamente connessa all'Ayurveda, una delle più antiche forme di medicina tradizionale dell'umanità. Questa disciplina affonda le sue origini nei testi vedici e può essere fatta risalire ad un millennio prima di Cristo. L'Ayurveda, che con il passare dei secoli ha assunto lo status di "scienza della vita", afferma che, poiché gli esseri umani sono un'estensione del mondo naturale, un generale stato di benessere e una maggiore longevità si possono ottenere ritrovando l'equilibrio con la natura. L'Ayurveda unisce pratiche psico-fisiche a rimedi di origine vegetale, che l'antica saggezza ha selezionato attraverso un'esperienza secolare. E la Triphala è uno dei rimedi più antichi di questo sistema.

La Produzione di Triphala

L'Ayurveda è estremamente radicata in India, tanto che gran parte degli abitanti continua a fare largo uso di questi rimedi. I ritrovati della tradizione ayurvedica costituiscono un importante business in India e stanno riscuotendo sempre più successo anche in Occidente, tanto che si prevede una crescita annuale del 16% di questo mercato. Basta pensare al fatto che nel sud dell'India vi sono resort e cliniche specializzate in medicina tradizionale, che hanno dato vita a un’importante forma di turismo del benessere. Il mercato globale dei rimedi a base di erbe ha un valore stimato di 62 miliardi di dollari. Eppure, solo 1 miliardo è coperto dall'India, a dimostrazione di quanto il suo mercato - seppur esteso - continui a essere molto povero. Il maggior cliente di questi ritrovati a base di erbe è l'Europa, che copre il 45% del mercato, seguita dal Giappone (16%) e dal Nord America (11%).

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Per completezza di informazione ti riportiamo i link alle fonti citate in questa sezione. Buon approfondimento.

6* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2249739/

^ Torna all'inizio del paragrafo Cos’è la Triphala

 

Triphala: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

La Triphala è una delle preparazioni ayurvediche più note e antiche. Come molte ricette delle antiche medicine tradizionali, anche in questo caso la ricerca scientifica ne ha esaminato la composizione, per confermare o smentire le leggende attorno ai presunti benefici. E in molti casi, i risultati di questi studi hanno avuto esito positivo. Di seguito ti elenchiamo alcune proprietà dei princìpi attivi che hanno trovato riscontro da parte della scienza. Buona lettura!

> Lista Argomenti:

Le Potenzialità dei Princìpi Attivi della Triphala nell’Igiene Orale
Protezione per il Colon
I Benefici per la Prostata
Un Importante Aiuto per la Prevenzione
Contro le Infiammazioni del Tratto Digestivo
Per Una Maggiore Regolarità
Un Aiuto Contro il Peso

Un Aiuto a Ridurre il Colesterolo
Artrite
Controindicazioni
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Le Potenzialità dei Princìpi Attivi della Triphala nell'Igiene Orale

La prevenzione di infezioni è importante per la propria igiene orale. Se da un lato gli antibiotici sono tutt’ora uno dei modi più efficaci per combattere le infezioni batteriche, d'altro canto sono sempre più comuni i ceppi batterici in grado di resistere a questi farmaci. Per questa ragione la ricerca è alla continua ricerca di soluzioni - spesso di origine vegetale - in sostituzione degli antibiotici sintetici. A sostenerlo è la ricerca (*1), che ha analizzato i potenziali benefici e le proprietà dei princìpi attivi contenuti nella Triphala. Questa preparazione contiene infatti tannini, un gruppo di fenoli dalle proprietà antimicrobiche. Contiene inoltre chinoni, composti organici in grado di stabilizzare i radicali liberi e potenzialmente capaci di togliere ai microorganismi un substrato su cui tendono a svilupparsi. È stato inoltre dimostrato che il contenuto di flavoni inibisce in vitro alcuni batteri come lo Streptococcus mutansin, contribuendo alla riduzione della carie del 40%. La Triphala contiene anche acido gallico, dalle proprietà epatoprotettive e antiossidanti. L'Emblica officinalis, uno dei tre ingredienti che compongono la Triphala, possiede inoltre un elevato contenuto di vitamina C (quasi 500 mg/100 ml), di cui sono ben note le proprietà e i benefici come anti-ossidante. Questi princìpi attivi, prosegue la ricerca appena citata, potrebbero aiutare nella ricerca di nuovi trattamenti per la cura del cavo orale, con poche controindicazioni e a un prezzo ridotto, se comparato a molti farmaci commerciali. Per via di queste caratteristiche, gli scienziati auspicano ulteriori ricerche e approfondimenti per valutare l'efficacia terapeutica della Triphala in ambito odontoiatrico.

Protezione per il Colon

Negli Stati Uniti il tumore al colon è la seconda causa di decessi per causa di malattia. I ricercatori sono perciò alla ricerca di nuove strategie per la prevenzione e la cura di questo male e per ridurre il rischio di recidività o metastasi. Vi sono studi (*2) che hanno esaminato l'efficacia del contenuto di fenoli e degli antiossidanti contenuto nell'estratto metanolico di Triphala. Si è visto come questa sostanza contiene naringina, quercetina, isoorientina e isoramnetina. Questi princìpi attivi sembrano essere in grado di inibire le proteine chiave responsabili della proliferazione di cellule maligne, inducendo l'apoptosi. Gli esperimenti hanno dato risultati incoraggianti in vitro e sono auspicati futuri esperimenti in vivo a conferma di questi benefici. Poiché la Triphala è già ampiamente disponibile come supplemento alimentare, gli studiosi sono interessati al suo utilizzo potenziale in aiuto alle terapie chemioterapiche convenzionali per la gestione di questo terribile male.

I Benefici per la Prostata

Il tumore alla prostata è uno dei mali più comunemente diagnosticati a pazienti di sesso maschile. Sebbene chirurgia e radioterapia siano efficaci inizialmente per trattare il male a livello locale, le cure attraverso i farmaci comportano numerose controindicazioni ed effetti collaterali. Per questo la scienza medica (*3) è alla continua ricerca di alternative naturali. Lo studio appena citato, per esempio, ha preso in considerazione la Triphala, per il suo ampio utilizzo in numerose applicazioni della tradizionale medicina ayurvedica. Gli studi hanno rivelato un alto contenuto di acido gallico, i cui benefici sembrano porre le basi per una terapia alternativa mirata, senza particolari controindicazioni o effetti collaterali sulle cellule sane. Naturalmente, gli studiosi sono cauti: queste proprietà hanno bisogno di ulteriori verifiche e studi preclinici.

Un Importante Aiuto per la Prevenzione

In India sono stati condotti alcuni studi (*7) su nuovi metodi di prevenzione del tumore orale. Questo male è assai diffuso nel Paese per via della cattiva abitudine del consumo di tabacco, ma può essere diagnosticato a uno stadio iniziale grazie a un accurato controllo delle ulcere e delle lesioni che possono formarsi nel cavo orale. Lo studio appena citato riporta l'efficacia di trattamenti a base di Triphala per facilitare la regressione di queste lesioni. Non sono ancora ben chiari quali siano gli princìpi attivi in grado di apportare benefici. Per questa ragione, i ricercatori auspicano ulteriori valutazioni attraverso controlli e studi clinici a lungo termine.

Contro le Infiammazioni del Tratto Digestivo

La colite è un disturbo molto diffuso. I ricercatori (*8) hanno studiato sperimentalmente le potenzialità antinfiammatorie dei princìpi attivi contenuti nella Triphala per capire la loro capacità di apportare benefici. Hanno rinvenuto antiossidanti e flavonoidi che hanno avuto una proprietà antinfiammatoria. Buoni risultati che possono essere approfonditi e attendono di avere ulteriori conferme sperimentali e cliniche.

Per Una Maggiore Regolarità

La stitichezza è uno dei disturbi del tratto digestivo più diffusi al mondo. Per via della sua diffusione e frequenza, e per l'impatto che ha sulla qualità della vita, la ricerca studia costantemente nuove soluzioni a questo disturbo. Uno studio sperimentale (*4) ha utilizzato un prodotto servendosi anche della Triphala tra gli ingredienti. La soluzione si è dimostrata un rimedio sicuro ed efficace nel trattamento della stitichezza. Benché il meccanismo d'azione non sia ancora del tutto chiaro, gli scienziati attribuiscono la proprietà lassativa alla presenza di fibre - polisaccaridi e non - che lubrificano il tratto intestinale facilitando la regolarità della digestione.

Un Aiuto per il Controllo del Peso

L'obesità è un disturbo del metabolismo e, allo stesso tempo,  un problema di salute pubblica di primaria importanza nel mondo occidentale. I ricercatori (*9) ipotizzano che l'obesità possa diminuire le difese antiossidanti del corpo, che svolgono un'importante funzione regolatrice anche nel controllo del peso. Per questa ragione, proseguono i ricercatori, vi è un crescente interesse nell'uso di terapie complementari e in rimedi alternativi di origine naturale. Nello studio appena citato, per esempio, viene citata la Triphala. Gli antiossidanti contenuti in questo mix di erbe sembrerebbero produrre benefici per il controllo del peso. I risultati sono stati ottenuti a seguito di una verifica sperimentale su pazienti affetti da obesità.

Un Aiuto a Ridurre il Colesterolo

Alti livelli di colesterolo nel sangue costituiscono uno dei fattori di rischio principali per lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Una ricerca (*10) ha studiato sperimentalmente le proprietà dei princìpi attivi contenuti nella Triphala. I dati raccolti hanno riscontrato proprietà ipolipidemiche, con il risultato di favorire l'abbassamento dei livelli di colesterolo.

Sollievo Per l'Artrite

L'artrite è un processo infiammatorio che coinvolge le articolazioni. Causa dolore e gonfiore e tende ad aggravarsi con l'età. La Triphala contiene polifenoli ed antiossidanti che, tra i benefici delle loro proprietà, potrebbero aiutare ad alleviare i sintomi dell'artrite. Ad affermarlo sono i risultati di una ricerca sperimentale (*11). Conclusioni che devono comunque essere validate da ulteriori esami.

Controindicazioni

Ricordiamo che non esistono alimenti senza controindicazioni. Le preparazioni ayurvediche, per quanto generalmente tollerate, possono dare problemi indesiderati se non si usa cautela e buon senso. In ogni caso, vi sono studi (*12) che hanno esaminato in generale le controindicazioni e le reazioni avverse alle preparazioni ayurvediche, tra le quali possiamo includere la Triphala. Elenchiamole di seguito. Per esempio, tra le controindicazioni vi sono le possibili interazioni con farmaci, poiché possono incrementare o neutralizzare i benefici dei princìpi attivi. Per evitare effetti indesiderati, anche in questo caso, è bene consultare il proprio medico prima di integrare la propria alimentazione con la Triphala. Controindicazioni possono insorgere nel caso in cui fattori ambientali (pesticidi, inquinamento) abbiano compromesso gli ingredienti della preparazione. In questo caso è bene scegliere un fornitore di fiducia. Altre controindicazioni possono insorgere anche dall'interazione farmaco-cinetica: esercizio fisico, esposizione al sole, particolari condizioni preesistenti possono influenzare l'efficacia della preparazione. In caso di gravidanza, per esempio, è consigliabile documentarsi e chiedere sempre consiglio a un medico. Anche l'abuso può dare origine a effetti indesiderati: il buon senso è d'obbligo.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Per approfondire l’argomento ti suggeriamo di seguire i collegamenti alle ricerche scientifiche e agli studi accademici che abbiamo utilizzato come fonte per la stesura di questa sezione.

7* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4279322/
8* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4427837/
9* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3559014/
10* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17268159
11* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25289531
12* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3930110/

^ Torna all'inizio del paragrafo Triphala: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

 

Triphala: Valori Nutrizionali e Calorie

La Triphala non è solo un concentrato di importanti princìpi attivi dalle proprietà in grado di aiutare il nostro corpo a mantenere un generale stato di benessere. Questa preparazione ha infatti anche un interessante profilo nutrizionale. Lo scoprirai in questa sezione appositamente dedicata all’argomento.

> Lista Argomenti:

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali
Breve Analisi Nutrizionale
La Presenza di Fibre
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali

Come di consueto ti riportiamo una scheda sintetica dei valori nutrizionali della Triphala, in modo da consentirti a colpo d’occhio di individuarne i contenuti. Grazie alla nostra analisi nutrizionale, avrai una guida all’interpretazione di queste cifre.

Valori Nutrizionali Medi per 100 g 

(i seguenti valori appartengono al prodotto CiboCrudo ma possono subire delle variazioni minime a seconda dei lotti)

Calorie: 287 kcal
Grassi: 0,7 g
di cui saturi: 0,2 g
Carboidrati: 46 g
di cui zuccheri: 10,3 g
Fibre: 40,5 g
Proteine: 3,9 g
Sale: 0,09 g

Breve Analisi Nutrizionale

Uno degli aspetti più interessanti della Triphala dal punto di vista nutrizionale non è tanto il “cosa contiene”, quanto piuttosto il “cosa non contiene”. Questa preparazione, infatti, possiede solo 0,7 grammi di grassi per etto. Una quantità che la rende per definizione - secondo le affermazioni avallate dalla Commissione Europea - un alimento a basso contenuto di grassi. Di questi, solo una piccolissima parte è costituita da grassi saturi, altro punto a favore di questa preparazione. Infatti, come sottolinea l'Authority Europea per la Sicurezza Alimentare, sostituire i grassi saturi con i grassi insaturi nella dieta contribuisce al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue. Si è inoltre dimostrato che contribuendo a mantenere un basso livello di colesterolo è possibile ridurre il rischio di sviluppare malattie coronariche. Poiché possiede un quantitativo di sale inferiore a 0,12 grammi per etto, questo prodotto si può definire anche a basso contenuto di sale. È importante limitare il consumo di questo condimento. Infatti, come sottolinea la ricerca scientifica (*13), ridurre il consumo di sale aiuta a prevenire il rischio di contrarre disturbi di natura cardiovascolare.

La Presenza di Fibre

La Triphala è una fonte naturale ad alto contenuto di fibre. Una definizione più che legittima: per la Commissione Europea, infatti, questa affermazione ha senso solo per quei prodotti che contengono almeno 6 grammi di fibre per etto. Nel nostro caso il contenuto di fibre è di ben cinque volte superiore a questa quantità. È importante notare come questi nutrienti - un tempo poco tenuti in considerazione poiché non vengono interamente digeriti - abbiano di recente avuto un rinnovato interesse da parte della ricerca scientifica. Secondo alcuni studi (*5), le persone che assumono un gran quantitativo di fibre possono ridurre in modo significativo il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, ipertensione, diabete, ed alcuni disturbi gastrointestinali.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Vuoi completare o approfondire l’argomento di questa sezione? Consulta i seguenti link alle ricerche scientifiche che abbiamo utilizzato come fonte.

13* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4105387/

^ Torna all'inizio del paragrafo Triphala: Valori Nutrizionali e Calorie

 

Triphala: Ricette

Finalmente è arrivato il momento di scoprire qualche suggerimento su come sfruttare i benefici dei princìpi attivi contenuti nella Triphala. Quasi sempre troverai questa preparazione in polvere (Triphala Powder), nella miscela adatta per impiegarla come ingrediente in svariati modi.

> Lista Ricette:

Tè con Triphala Powder
Triphala Dolce
Smoothie Energetico

 

Tè con Triphala Powder

Il modo più semplice per apprezzare i princìpi attivi contenuti nella Triphala è attraverso il tè. Un metodo tradizionale e rapido nella preparazione.

Ingredienti

1/2 cucchiaino di Triphala Powder
1 tazza d'acqua

Preparazione

Versa l'acqua calda in una tazza contenente Triphala Powder. Mescola per amalgamare e fa' raffreddare l'infuso prima di berlo. Per evitare di scaldare troppo la preparazione, puoi versare sulla Triphala Powder dell’acqua fredda, mescolare e lasciar riposare la bevanda per una notte.

Triphala Dolce

Il caratteristico sapore amaro della Triphala non è per tutti. Ma c'è un modo assai più piacevole per provarla. E per di più, è "approvato" dalla tradizione.

Ingredienti

1/2 cucchiaino di Sciroppo d'acero o d'agave
1/2 cucchiaino di Triphala Powder

Preparazione

Mescola la Triphala Powder con il dolcificante che preferisci. Ecco un semplice e piacevole modo tradizionale per provarne i benefici dei suoi princìpi attivi!

Smoothie Energetico

Ecco una preparazione super rapida, per rinfrescarsi o per chi fa sport.

Ingredienti

1 cucchiaino di Triphala Powder
1 cucchiaio di semi di chia in polvere
2 cucchiai di cocco essiccato
1 cucchiaino di maca
1 cucchiaino di bacche di goji
1 cucchiaino di camu camu in polvere
1 cucchiaino di vaniglia
acqua q.b.

Preparazione

Mescola la Triphala Powder con gli altri ingredienti in un frullatore, versando acqua per regolare la consistenza e la cremosità.

^ Torna all'inizio del paragrafo Ricette con il  Triphala

 

La Triphala in Polvere Integra al 100% by CiboCrudo

Come abbiamo visto, le preparazioni ayurvediche hanno un mercato vastissimo. È facile perdersi con un’offerta così ampia. Ed è ancor più facile scegliere il prodotto meno adatto alle proprie esigenze, magari contenente impurità o addirittura non conforme ai principi di un’alimentazione crudista. Per questo ci siamo noi. Scegliendo la Triphala by CiboCrudo, hai la certezza di acquistare un prodotto contraddistinto dall’eccellenza della qualità e dalla purezza degli ingredienti. Di seguito ti spieghiamo perché.

> Lista Argomenti:

Triphala by CiboCrudo
Le Certificazioni di CiboCrudo
La Nostra Selezione

 

Triphala by CiboCrudo

Come tutti i prodotti by CiboCrudo, anche la Triphala viene proposta pensando specificamente ai bisogni delle persone che hanno scelto o vogliono avvicinarsi all’alimentazione crudista. Innanzitutto, il prodotto non ha subito trattamenti termici superiori ai 42 gradi centigradi. Inoltre, non vengono aggiunti additivi o conservanti di alcun tipo. Il prodotto è puro, come creato dalla Natura o come previsto dalle originarie preparazioni. L’ideale, quindi, per avere la disponibilità integrale dei princìpi attivi che contiene.

Le Certificazioni di CiboCrudo

Per noi di CiboCrudo l'eccellenza del prodotto è sempre una priorità. Una qualità elevata che viene testimoniata dalle certificazioni che puoi ritrovare sull'etichetta. La Triphala by CiboCrudo, per esempio, vanta il marchio Crudo Garantito. Siamo gli unici, in ambito crudista, ad aver ideato un sigillo specifico che ti garantisce un prodotto al 100% crudo. Un'affermazione che possiamo avallare grazie alle specifiche garanzie che richiediamo ai nostri fornitori. Inoltre, hai la sicurezza di un prodotto OGM free.

La Nostra Selezione

L'eccellenza è un obiettivo che può essere raggiunto solo attraverso un lavoro meticoloso. Nel nostro caso, questo processo consiste in una rigida selezione dei fornitori. Prima di affidarci a un produttore, ne esaminiamo con attenzione ogni aspetto. Verifichiamo gli ingredienti che utilizza ed i suoi metodi di coltivazione. Ci accertiamo che il processo di preparazione e conservazione sia coerente con i principi dell'alimentazione crudista. E non ci limitiamo a scegliere un solo fornitore con queste caratteristiche. Infatti, prendiamo in considerazione diversi candidati, tra i quali effettuiamo una scelta finale. E solo quello che consideriamo il miglior produttore può permetterci di offrirti il miglior prodotto possibile!

^ Torna all'inizio del paragrafo Triphala in Polvere by CiboCrudo

 

Triphala: Curiosità

La Triphala è quindi una preparazione antica e leggendaria. Inevitabile che vi fossero anche alcune curiosità attorno alla sua origine e al suo utilizzo contemporaneo. Vediamone qualcuna.

> Lista Argomenti:

La Madre di Tutti i Rimedi
La Pianta Sacra
Il Segreto delle Celebrità

 

La Madre di Tutti i Rimedi

Un detto popolare indiano recita: "Anche se non hai una madre, non c'è da preoccuparsi finché hai la Triphala". La ragione è che in India si ritiene che questo rimedio sia in grado di prendersi cura degli organi interni del proprio corpo, come una madre si prende cura dei propri figli.

La Pianta Sacra

Il Mirobolano, uno degli ingredienti che compongono la Triphala, è una pianta considerata tra le più sacre della regione himalayana. Spesso il Buddha viene raffigurato mentre sostiene tra le mani questa pianta. Inoltre il mirobolano è sacro al dio Shiva.

Il Segreto delle Celebrità

Molte star del cinema statunitense e indiano si affidano ai segreti dell'Ayurveda per aiutare il corpo a mantenere un generale stato di benessere. Per esempio, l'attrice indiana Kangana Ranaut sembra far largo uso di Triphala. Viaggiando molto e conducendo una vita movimentata, trova conforto in questo rimedio per aiutare a riequilibrarsi.

^ Torna alla Lista Curiosità sul Triphala

 

Nota Importante:

Tutte le informazioni riportate hanno puramente scopo didattico, per approfondirne il significato > leggi il Disclaimer



Le informazioni riportate, non sono da intendersi come sostitutive di un parere medico e le proprietà descritte, salvo dove precisamente indicato, sono presunte e senza evidenze scientifiche.


Disclaimer

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Triphala commenti

Scrivi il tuo commento

Seguici Su...