I 10 errori da evitare nel raw food (seconda parte)

Autore: Rosanna Gosamo

Dal Mal...Essere al Ben....Essere

Nell'articolo precedente abbiamo iniziato a vedere i 10 errori più comuni in cui è facile incorrere in un'alimentazione crudista, secondo Frederic Patenaude (www.fredericpatenaude.com). Abbiamo visto come sia molto facile eccedere con i cibi grassi e non mangiare abbastanza frutta da arrivare ad un adeguato apporto calorico quotidiano. Vediamo ora il terzo e quarto punto del decalogo da evitare.

 

3 – Mangiare quantità insufficienti di verdure

Sebbene la frutta rappresenti una grande fonte di energia e vitamine, non contiene abbastanza minerali per rendere l'alimentazione totalmente equilibrata. Le verdure devono essere consumate perché forniscono i minerali essenziali, quali calcio, magnesio, sodio, ecc.


La maggior parte dei programmi alimentari crudisti non contengono quantità sufficienti di verdure verdi necessarie per una salute ottimale. Molti di questi, che invitano a mangiare grandi quantità di Noci e semi, non contengono quantità sufficienti di verdura. Il fatto è che, quando si mangia un'insalata con olio e grassi, si arriva a sazietà senza aver mangiato abbastanza verdure. Invece, quando ci si attiene ad una dieta a basso contenuto di grassi, composta quasi esclusivamente da frutta e verdura fresca in abbondanza, non resta più spazio né fame per mangiare alimenti troppo elaborati.

Va sottolineato anche che le verdure devono essere consumate in un modo tale da essere facilmente assimilabili dall'organismo. Mangiare un'insalata potrebbe non essere sufficiente, a meno che non venga masticata molto accuratamente. È per questo motivo che consiglio di consumare verdure frullate (sia come "green smoothie" che come "zuppa") e, di tanto in tanto, degli estratti di verdura.

4 – Non prestare adeguata attenzione alle combinazioni alimentari

Oltre a contenere quantità di grassi talmente alte da risultare ridicole, la maggior parte dei programmi alimentari crudisti vi suggerirà ricette complicate dove gli alimenti sono spesso disidratati o mescolati in ogni modo possibile, con conseguente produzione di miscele che portano verso problematiche digestive. Chiamo queste ricette "combo-abombos", cioè penso si tratti di "combinazioni" che sono veri e propri "abomini"!
Anche se in un'alimentazione crudista la questione delle combinazioni risulta notevolmente semplificata, l'uso di alcuni semplici accorgimenti può contribuire a facilitare enormemente la digestione. Dopo tutto, mangiare cibi semplici nel loro stato naturale dovrebbe essere l'obiettivo di un'alimentazione crudista, non credi? Cercare di imitare i normali piatti della cucina tradizionale trasponendoli letteralmente a crudo può generare confusione e condurre ad esagerazioni.

 

5 – Avere un approccio fanatico

È troppo comune all'interno del movimento crudista vedere persone completamente ossessionate dalla loro dieta, che dimenticano altri aspetti importanti della vita. Alcuni vogliono sentirsi "puri" a tutti i costi e pensano che tutti i cibi cotti siano malefici. Eppure, allo stesso tempo, non esitano a consumare grandi quantità di avocado, noci, semi, e le "combo-abombos", pensando che solo perché è crudo, è ok!
Il crudo non rappresenta l'unico criterio di scelta. L'essere crudo non rende un alimento automaticamente sano. La maggior parte delle ricette raw che ho visto non sono in realtà del tutto sane! Esse contengono spesso grandi quantità di sale, spezie, oli e grassi.

Invece di concentrarci solo sull'aspetto, dimenticando tutto il resto, proviamo invece a tornare al cuore del crudismo, che è quello di mangiare cibi integri – frutta e verdura nel loro stato naturale! Personalmente, preferisco mangiare verdure cotte al vapore, piuttosto che certi tipi di ricette crudiste pesanti a base di noci. Ma ad alcuni crudisti piace ancora pensare che è salutare mangiare un paio di barattoli di Burro di Mandorle in una settimana, basta che si tratti di burro di Mandorle crudo. Non si rendono conto che in realtà, così facendo, creano le basi per numerosi problemi.

Torniamo ai principi fondamentali di una dieta naturale, anche prima di pensare in termini di crudo e cotto. Cerchiamo anche di non dimenticare gli altri aspetti di una vita sana. La dieta non è tutto. Lo sapevate che ci sono almeno 21 requisiti per una vita sana e, se ne mancasse solo uno, questo potrebbe impedirvi di raggiungere il livello di salute che desiderate?
Eccone elencati alcuni, oltre al buon cibo e alla nutrizione adeguata:

Dormire abbastanza

Sole

Aria pura

Acqua pura

Attività fisica regolare

Senso di appartenenza ad un gruppo

Espressione naturale della sessualità

Realizzazione nella vita professionale

Temperatura adeguata

Essere attorniati dalla bellezza

Auto-espressione dei talenti naturali.

Senso di connessione con familiari ed amici.

* editato per errata corrige

Commenti

Accedi per commentare.