Conserva di Pomodori Pelati

Biologica - Organic - 680g
Conserva di Pomodori Pelati 680g

Clicca per ingrandire

Conserva di Pomodori Pelati 680g Pomodori Pelati Biologici 680g Pomodori Pelati Migliori 680g Conserva di Pomodori Pelati Biologici 680g
Etichetta

0.0 / 5

: 0
: 0
: 0
: 0
: 0

Formato disponibile

Seleziona la quantità:

Prezzo:

6,30

Disponibilità:

Immediata


Chiedi info su questo prodotto

Conserva di Pomodori Pelati

Crudopedia
by CiboCrudo

Introduzione:

Conserva di Pomodori Pelati: Descrizione Breve

Posso dire che sono cresciuta con i Pomodori Pelati. Non mancavano mai dalla dispensa di casa. Addirittura ricordo mia nonna che li preparava in casa, dentro dei pentoloni. Poi la vedevo sbucciare pazientemente i pomodori, uno ad uno! Come italiani sappiamo benissimo che i Pomodori Pelati sono parte integrante della nostra tradizione culinaria, e con essi si preparano un'infinità di gustosi piatti nazionali. Oltre ad essere una delizia per il palato, i Pelati contengono numerose proprietà antiossidanti e salutari. Ovviamente la percentuale dei princìpi attivi dipende dal tipo di Pelati che si scelgono. La Conserva di Pomodori Pelati by CiboCrudo è stata preparata con frutti italiani, provenienti da coltivazioni Bio. Ma quale è la storia della Conserva dei pomodori pelati? Quali valori nutrizionali e benefici può apportare questo tradizionale prodotto italiano? Ti invito a leggere l'interessante scheda che segue. Le Conserve di Pomodori Pelati sono probabilmente tra i prodotti più comuni e utilizzati nella cucina degli italiani. La loro presenza in casa è così familiare che, talvolta, non pensiamo a quali doni della natura siano racchiusi in quei barattoli. Come avrai modo di scoprire in questa introduzione, i migliori frutti contengono importanti princìpi attivi che possono aiutare il nostro corpo a mantenere un generale stato di benessere. Con valori nutrizionali davvero interessanti. Di seguito scoprirai perché.

> Lista Argomenti:

Conserva di Pomodori Pelati
Sintesi Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi
Sintesi Valori Nutrizionali
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

Conserva di Pomodori Pelati

Tutti gli italiani conoscono l'origine dei Pomodori. Meno conosciuto, forse, è il fatto che i frutti di questa pianta originaria delle Americhe siano entrati a far parte della nostra alimentazione solo da poco più di un paio di secoli. Contemporaneamente alla diffusione dei frutti nella preparazione di ricette, si iniziarono a studiare nuovi metodi di conservazione degli alimenti. La cosiddetta "appertizzazione", che consentì ai produttori di sterilizzare i contenitori ermetici ad alta temperatura, aprì nuove possibilità. Sul finire del XIX secolo i produttori di Conserve di Pomodori Pelati iniziarono a riscuotere un successo sempre maggiore. Ed oggi, le Conserve di Pomodori Pelati italiane, soprattutto quelle biologiche, sono considerate tra le migliori e detengono il primato mondiale.

Sintesi Proprietà e Benefici dei Princìpi Princìpi Attivi

Tra i princìpi attivi presenti nei migliori Pelati, uno dei più importanti è certamente il licopene. Si tratta del carotenoide che rende rossi questi frutti. Gli studi scientifici lo ritengono un fondamentale antiossidante (*1) ed i ricercatori (*2) attribuiscono a questa sostanza un importante beneficio preventivo nei confronti del tumore alla prostata. Al licopene sono associati molti altri potenziali benefici, come la protezione da disturbi cardiovascolari (*3) o altre proprietà antitumorali (*4). Altri studi (*5) riportano un elevato contenuto di flavonoidi, in grado di aiutare a contrastare le ostruzioni delle arterie. E la presenza di vitamina C e acido ferulico, secondo i ricercatori (*6), avrebbe un effetto protettivo sul miocardio.

Sintesi Valori Nutrizionali

Dal punto di vista nutrizionale, i migliori Pelati si distinguono per due motivi. Innanzitutto posseggono un quantitativo estremamente basso di grassi (0,2 grammi per etto). Ciò consente di definirli, in accordo con le disposizioni della Commissione Europea, "a ridotto contenuto di grassi". I ricercatori (*7) consigliano di preferire alimenti di queste caratteristiche, poiché ridurre i grassi vuol dire prevenire il rischio di sviluppare diverse malattie. Inoltre sono poco calorici, con solo 34 kcal per etto: secondo l'Authority Europea per la Sicurezza Alimentare, sono a tutti gli effetti dei cibi "a basso contenuto energetico". Gli scienziati (*8) raccomandano questi alimenti poiché aiutano a tenere sotto controllo il peso corporeo.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Se vuoi approfondire gli argomenti affrontati in questa sezione, ti suggeriamo di consultare i link alle ricerche scientifiche che abbiamo utilizzato come fonte.

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7495226/
2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11880478/
3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12840203/
4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17554202/
5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3438755/
6* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16635105/
7* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12566138
8* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18060892

^ Torna all'inizio del paragrafo Conserva di Pomodori Pelati: Descrizione Breve

 

Approfondimento:

Cos'è la Conserva di Pomodori Pelati

I Pomodori Pelati sono un prodotto che sicuramente tutti conosciamo. Sono quasi onnipresenti nella cucina italiana, tanto che non riusciremo a concepire gran parte delle nostre ricette tradizionali senza i migliori Pelati. Fermiamoci un attimo a riflettere. Come è possibile che i frutti di una pianta non indigena nel nostro paese siano diventati così importanti? E qual è la storia che ha permesso ai produttori, soprattutto italiani, di creare uno dei modi più comuni per conservare i Pelati? Lo scoprirai in questa sezione.

> Lista Argomenti:

Descrizione e Habitat
Storia e Tradizione
La Produzione di Conserva di Pomodori Pelati

 

Descrizione e Habitat

I Pomodori sono il frutto di una pianta originaria delle Americhe e arrivarono in Europa solo nella prima metà del '500. In quel periodo erano usati principalmente come pianta ornamentale e, successivamente, trovarono nel Sud Italia il terreno adatto per essere coltivati e utilizzati anche in campo alimentare. I migliori Pomodori sono piante piuttosto adattabili, anche se prediligono i climi caldi e i terreni freschi e profondi. Temono il freddo e crescono al meglio a temperature poco al di sotto dei 30 gradi. Per questo i produttori italiani hanno avuto gioco facile, grazie al clima mediterraneo del Meridione.

Storia e Tradizione

La storia delle conserve di Pomodori Pelati biologici parte da molto lontano, in parallelo con la scoperta di nuovi metodi di conservazione del cibo avvenuta tra il XVIII e il XIX secolo. L'invenzione dell'"appertizzazione" - un procedimento che consente ai produttori di sterilizzare i barattoli per la conserva ad alte temperature - fu il primo passo per realizzare conserve migliori di Pelati. L'applicazione di questa tecnica su scala industriale, per la produzione di conserve, si deve all'imprenditore piemontese Francesco Cirio. Le conserve di Pelati iniziarono a essere vendute sul finire del XIX secolo. Il successo dei Pelati fu quasi immediato per la loro versatilità di utilizzo in cucina.

La Produzione di Conserva di Pomodori Pelati

La conserva di Pomodori Pelati è un tipico prodotto italiano del Meridione. I Pelati sono generalmente ottenuti dalla qualità San Marzano. Questi frutti sono ritenuti tra i migliori perché possono essere pelati facilmente, hanno una consistenza carnosa, sono poco acquosi e - all'epoca - erano più economici di altre qualità. I migliori Pelati biologici italiani si contraddistinguono per il perfetto grado di maturazione. Spesso i produttori effettuano la cernita dei frutti migliori manualmente, grazie a personale specializzato. I migliori frutti selezionati sono poi Pelati, di frequente attraverso mezzi meccanici. La coltivazione del pomodoro è una delle più importanti del pianeta. In questo settore la Cina detiene il primato assoluto della produzione (circa il 30% mondiale), seguita da India e Stati Uniti. Gli italiani in questa classifica sono al settimo posto. Tuttavia, è italiano il primato mondiale nella produzione di conserve di Pelati. La produzione italiana copre in abbondanza la domanda europea di questo prodotto. Merito della qualità dei Pelati italiani, soprattutto, e della nostra eccellenza produttiva - in particolare nel settore dei Pelati biologici.

^ Torna all'inizio del paragrafo Cos’è la Conserva di Pomodori Pelati

 

Conserva di Pomodori Pelati: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

I Pomodori Pelati sono un ingrediente tipico della nostra cucina, ma hanno ben più di un motivo per essere presi in considerazione quando si mettono a tavola. I migliori frutti contengono infatti una gran quantità di princìpi attivi dalle numerose potenzialità benefiche per aiutare il nostro corpo a conservare un generale stato di benessere. Anche i Pelati biologici che utilizzi per cucinare non fanno eccezione. Nei Pomodori, in generale, vi sono sostanze ampiamente studiate dalla ricerca, come avrai modo di appurare in questo paragrafo. Di seguito ti riportiamo alcune delle più importanti proprietà e dei maggiori benefici che possono apportare i loro princìpi attivi, tutti oggetto di grande interesse da parte della comunità scientifica. Ecco di cosa parleremo:

> Lista Argomenti:

La Presenza di Antiossidanti
L’Importanza del Licopene
L’Effetto del Licopene Contro lo Stress Ossidativo
Le Proprietà Antitumorali del Licopene
Una Protezione dalle Malattie Cardiovascolari
A Difesa della Nostra Pelle
Per una Bocca più Sana
Importante per la Mente
Un Aiuto a Respirare Meglio
Ossa più Forti
Una Protezione dai Coaguli
La Presenza di Vitamina C
Un Potenziale Aiuto Durante la Maternità
Una Mano per i Diabetici
Una Speranza Contro l'Aterosclerosi?
Un Aiuto Durante la Menopausa
Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

 

La Presenza di Antiossidanti

La ricerca (*9) sostiene che il consumo regolare di Pomodori può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche degenerative. Le ricerche epidemiologiche hanno infatti confermato che questo beneficio è dovuto alla presenza di diversi tipi di antiossidanti, come carotenoidi (specialmente licopene), acido ascorbico, vitamina E e flavonoidi. Lo studio appena citato ha analizzato 18 genotipi di questo frutto, misurando la concentrazione di questi princìpi attivi. Basandosi su questi dati, è stato proposto un indice (denominato indice di qualità nutrizionale per gli antiossidanti) per classificare queste piante in base al contenuto di queste importanti sostanze.

L’Importanza del Licopene

Importanti studi epidemiologici (*10) indicano come condurre una dieta ricca di frutta e verdura possa contribuire a ridurre il rischio di contrarre malattie croniche, disturbi cardiovascolari e tumori. Lo studio riporta come, nonostante queste evidenze, debbano essere ancora approfonditi i benefici di alcuni princìpi attivi contenuti nei migliori Pomodori. Tra questi vi è senz’altro il licopene: tra i princìpi attivi presenti in questi frutti, è quello ritenuto responsabile della maggior parte di queste proprietà benefiche. Il licopene è il carotenoide responsabile del bel colore rosso dei Pomodori e di altri vegetali. Si tratta di una sostanza che, in linea, generale resiste bene ai processi di lavorazione degli alimenti. In particolare, vi sono studi (*11) che sottolineano come uno sbagliato metodo di conservazione (come per esempio l’esposizione alla luce) possa degradare la qualità di questo principio attivo. Tuttavia, i tradizionali metodi di lavorazione non sembrano avere effetti significativi sui livelli di licopene. Vediamone insieme i potenziali benefici.

L’Effetto del Licopene Contro lo Stress Ossidativo

Alcune ricerche (*1) ritengono il licopene il più efficace carotenoide in grado di contrastare lo stress ossidativo, ostacolando così la formazione di radicali liberi. Si tratta di una proprietà molto importante per questa sostanza contenuta anche nei migliori Pelati, poiché lo stress ossidativo è stato collegato sia allo sviluppo di tumori, sia a quello di malattie cardiovascolari.

Le Proprietà Antitumorali del Licopene

Tra tutti benefici attribuiti al licopene, quello di prevenzione del tumore alla prostata è uno dei più studiati (*2). La ricerca appena citata mostra un’associazione tra il consumo di Pomodori (e quindi di licopene) e una riduzione dell’incidenza di questo male. Il licopene contenuto nei migliori frutti potrebbe anche dare benefici nella prevenzione del tumore al seno. Uno studio (*12) ha infatti osservato una ridotta incidenza di questa malattia in un campione di persone messo a confronto con chi - al contrario - assumeva quantitativi inferiori di licopene. Questa sostanza sembra dare benefici anche in caso di tumore al polmone. Studi epidemiologici (*13) comparati hanno associato un minor rischio di contrarre il male a un campione statistico di persone che avevano introdotto nella loro alimentazione il licopene. Altre ricerche (*4) offrono inoltre un’interessante casistica per quanto riguarda i potenziali benefici del licopene nei pazienti che soffrono di tumore al colon. In modo simile, alcuni studi (*14) hanno rilevato una relazione inversa tra persone che conducevano una dieta ricca di licopene e l’incidenza di tumore gastrico. In una ricerca effettuata in Canada (*15), inoltre, uno studio condotto su una popolazione di quasi 5.000 persone ha permesso di ipotizzare come un’alimentazione con presenza di licopene abbia ridotto l’incidenza del cancro al pancreas. Infine, una buona notizia per le donne. Da una ricerca (*16) è emerso come l’assunzione di licopene abbia una relazione inversa con il rischio di contrarre il tumore alle ovaie. Ed i benefici di questa sostanza non sembrano finire qui.

Una Protezione dalle Malattie Cardiovascolari

I disturbi cardiovascolari sono la principale causa di morte negli Stati Uniti. A confermarlo è una ricerca scientifica (*3), che ha indagato sui benefici preventivi offerti dal licopene contenuto in questi frutti. I risultati sono incoraggianti. Un’indagine su quasi 39.000 persone ha mostrato come l’assunzione regolare di questa sostanza possa contribuire a ridurre il rischio di sviluppare questi mali.

A Difesa della Nostra Pelle

Oltre alle proprietà appena citate, il licopene contenuto nei Pomodori sembra offrire altri benefici. Soprattutto per favorire il benessere della nostra pelle. Una ricerca (*17) ha mostrato come questa sostanza possa aiutare in caso di eczema o scottature causate dai raggi solari.

Per una Bocca Più Sana

Da uno studio (*18) effettuato su persone che mostravano segni di gengivite, il licopene dei migliori Pomodori si è dimostrato di grande efficacia. La sostanza sembra aver favorito una significativa riduzione delle irritazioni e dei fenomeni di sanguinamento.

Importante per la Mente

Una interessante ricerca (*19) ha associato il rischio di sviluppare malattie psichiatriche ad una dieta con bassi livelli di licopene. Lo studio, attraverso dati statistici, ha notato una correlazione tra tentati suicidi e bassi livelli di vitamine, antiossidanti e carotenoidi.

Un Aiuto a Respirare Meglio

Una ricerca (*20) suggerisce anche che il licopene possa avere un effetto terapeutico per chi soffre d’asma. Lo studio ha preso in esame un campione di persone che hanno assunto questa sostanza attraverso supplementi ottenuti dai migliori Pomodori. I risultati incoraggianti sono stati confermati anche dal trattamento placebo, suggerendo che la sostanza possa aiutare a migliorare la funzione polmonare degli asmatici.

Ossa più Forti

Un recente rapporto scientifico (*21) associa il consumo di licopene alla riduzione del rischio di fratture causate dall’età. Lo studio, durato 17 anni, è comunque considerato preliminare. Nonostante i risultati iniziali positivi, gli scienziati raccomandano ulteriori approfondimenti per determinare l’efficacia di questo principio attivo contenuto nei Pomodori.

Una Protezione dai Coaguli

Studi recenti (*5) hanno indagato sul coinvolgimento delle piastrine nel processo di formazione dei trombi arteriosi. Un fenomeno che potrebbe essere rallentato inibendo l'azione di queste cellule. Lo studio appena citato raccomanda - a livello generale - una dieta equilibrata, a base di frutta e verdura, come principale mezzo di prevenzione. In particolare, tra questi vegetali, il consumo di Pomodori è ampiamente consigliato. I migliori Pomodori conterrebbero infatti flavonoidi, carotenoidi e polifenoli in grado di inibire il processo di aggregazione delle piastrine. Il meccanismo deve essere ancora individuato con precisione, ma sembra che ci siano pochi dubbi sui possibili benefici che queste sostanze sono in grado di apportare.

La Presenza di Vitamina C

Gli studi (*22) che hanno esaminato il contenuto di princìpi attivi nei migliori Pomodori riportano anche un buon quantitativo di vitamina C: fino ad oltre 90 milligrammi per etto nei migliori frutti, ben oltre la dose giornaliera raccomandata. Questo quantitativo tende a ridursi nel tempo - cosa che coincide con un cambiamento della colorazione del frutto. Vi sono ricerche (*6) che dimostrano come la combinazione di acido ferulico e acido ascorbico possa offrire protezione per il miocardio. Ciò sembra dovuto all'attenuazione dei livelli dei lipidi. La ricerca citata all'inizio del paragrafo prosegue, facendo notare come la Vitamina C sia altamente biodisponibile nei migliori frutti: il consumo regolare di piccole quantità di pomodoro potrebbe incrementare la protezione cellulare dai danni al DNA causati dagli agenti ossidanti. A sostenerlo sono alcuni rapporti scientifici (*23), che indicano come l'acido ascorbico potrebbe aiutare a prevenire i tumori neutralizzando i radicali liberi prima che possano danneggiare il DNA, oppure agendo come pro-ossidante aiutando il corpo a neutralizzare questo male durante i primi stadi.

Un Potenziale Aiuto Durante la Maternità

I ricercatori (*22) hanno rinvenuto nei Pomodori la presenza di folati, fino a un livello che può superare i 31 microgrammi per etto. I folati, secondo lo studio, sono coinvolti in numerosi processi fisiologici, e sono di grande interesse nei rami dell'andrologia e della ginecologia. In particolare, sono ritenuti essenziali per la corretta crescita del feto. E i supplementi di questa sostanza sono raccomandati alle donne in maternità, perché possono aiutare a prevenire l'insorgenza di problemi per il nascituro.

Una Mano per i Diabetici

I ricercatori (*22) hanno rinvenuto nei Pomodori anche composti polifenolici, tra i cui benefici si associano effetti preventivi per le malattie cardiovascolari e neurodegenerative causate dall'età. Queste sostanze suscitano un certo interesse anche per il possibile aiuto che potrebbero costituire per i diabetici. Per esempio, una ricerca sperimentale (*24) ha riscontrato un miglioramento nella sensibilità insulinica, la decrescita di accumulo di grassi e un miglior controllo del peso corporeo. Un altro studio clinico (*25) effettuato su diversi pazienti ha dimostrato come queste sostanze possano aiutare a far scendere il livello dei trigliceridi nel sangue. Nei Pomodori sono anche presenti i tannini. Questi composti giocano un ruolo importante nell'aspetto sensoriale dei migliori frutti (come il loro colore e sapore). Sono conosciuti per le loro proprietà antiossidanti e per la loro abilità di ostacolare i radicali liberi o legare le proteine. Alcuni studi (*22) riportano come i tannini possano inibire l'adipogenesi, fornendo un potenziale aiuto per il trattamento del diabete mellito. Benefici che si aggiungono alle ben note potenziali azioni antibatteriche e antivirali.

Una Speranza Contro l'Aterosclerosi?

L'ossidazione delle lipoproteine a bassa densità è considerata un fattore di rischio per l'aterosclerosi. Vi sono però alcune ricerche (*26) che suggeriscono come i princìpi attivi contenuti nei frutti (tra cui il licopene) possano fungere da potenti inibitori di questo fenomeno. Nella fase sperimentale dello studio appena citato, infatti, è stata misurato l'effetto di questi princìpi attivi dopo aver assunto un pasto ricco di grassi. Si è notato un ottimo miglioramento della risposta all'ossidazione LDL. I ricercatori, nonostante l'esito positivo di questo studio, sottolineano comunque come siano necessari ulteriori conferme per la ripetibilità di questi risultati presso fasce particolari della popolazione - come per esempio soggetti a rischio di malattie cardiovascolari.

Un Aiuto Durante la Menopausa

Alcuni ricercatori giapponesi (*27) hanno effettuato una ricerca su un campione di 95 donne di età compresa tra i 40 e i 60 anni, le quali presentavano almeno un sintomo della menopausa. Lo studio prevedeva di assumere per un periodo di 8 settimane almeno 200 millilitri di succo di pomodoro, due volte al giorno. I ricercatori volevano capire se i princìpi attivi contenuti nei frutti - in particolare licopene e acido gamma-amino-butirrico (GABA) - fossero in grado di alleviare sintomi fisici e psicologici tipici della menopausa. L'esperimento sembra aver avuto un esito positivo.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Come hai avuto modo di scoprire i Pelati, anche italiani, contengono importanti princìpi attivi oggetto di numerose ricerche scientifiche. Per tua comodità, ti riportiamo qui di seguito i documenti che abbiamo citato in questa sezione.

9* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17427261
10* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3850026/
11* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9605205/
12* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10693163/
13* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11440962/
14* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11075886/
15* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15735099/
16* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11668487/
17* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15830922/
18* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18173095/
19* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17539483/
20* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18324527/
21* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19138129/
22* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3972926/
23* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16808775/
24* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18196980/
25* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17629300/
26* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5052516/
27* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4406031/

^ Torna all'inizio del paragrafo Conserva di Pomodori Pelati: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

 

Conserva di Pomodori Pelati: Valori Nutrizionali e Calorie

Se hai scelto di comprare una Conserva di Pelati - meglio ancora se biologici - adesso sai quali preziosi princìpi attivi sono contenuti nel barattolo, in aggiunta ad un pieno di succulenti sapori. In questa sezione scoprirai che hai fatto un’ottima scelta anche dal punto di vista nutrizionale. Infatti, i Pelati sono una fonte di importanti sostanze nutritive. Meglio ancora: sono interessanti soprattutto per quelle che contengono meno. E se questa affermazione ti ha incuriosito, ti suggeriamo di proseguire nella lettura.

> Lista Argomenti:

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali
Breve Analisi Nutrizionale
Il Ridotto Apporto di Grassi

 

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali

In questa sintetica tabella troverai i valori nutrizionali della nostra Conserva di Pelati biologici. Leggendo il paragrafo dedicato all’analisi nutrizionale potrai avere una guida alla loro interpretazione.

Valori Nutrizionali Medi per 100 g 

(i seguenti valori appartengono al prodotto CiboCrudo ma possono subire delle variazioni minime a seconda dei lotti)

Calorie: 34 kcal
Grassi: 0,2 g
Carboidrati: 7 g
di cui zuccheri: 5 g
Proteine: 1 g
Fibre: 1 g
Sale: 0,3 g

Breve Analisi Nutrizionale

L'aspetto nutrizionale più interessante dei Pelati è soprattutto uno: essendo tra i vegetali più ricchi di acqua in natura, tendono a essere un alimento assai leggero. Per capirlo, basta guardare i valori nutrizionali. Posseggono solo 34 chilocalorie per etto. La Commissione Europea classifica i cibi al di sotto delle 40 chilocalorie come "a basso contenuto energetico". Un fatto molto importante per la nostra alimentazione. Le ricerche (*8) suggeriscono come il consumo di alimenti a basso contenuto energetico possa essere una strategia raccomandata per il controllo del peso corporeo. Tuttavia, fanno notare i ricercatori, nel mondo occidentale c'è un fenomeno piuttosto curioso. I cibi a più alto contenuto calorico tendono a essere i meno costosi e persino quelli che subiscono un minor aumento dei prezzi. L'ampia disponibilità di cibi molto calorici e a basso costo è una delle cause del crescente fenomeno dell'obesità in Occidente, anche tra le fasce meno abbienti della popolazione. Un altro aspetto fondamentale dei valori nutrizionali dei Pomodori Pelati in conserva, specie se biologici, merita invece un paragrafo a sé.

Il Ridotto Apporto di Grassi

Un altro aspetto molto interessante dei Pelati italiani è il contenuto di grassi davvero irrisorio. Con solo 0,2 grammi per etto, sono - secondo la definizione dell'Authority Europea per la Sicurezza Alimentare - ben al di sotto della definizione generica "a ridotto contenuto di grassi". In linea generale, vi sono molte buone ragioni per preferire una dieta con bassi contenuti di questa sostanza nutritiva. La ricerca (*7) ne elenca almeno quattro. Innanzitutto, per ragioni di metabolismo: assumere più grassi di quanto richiesto dal nostro organismo comporta l'accumulo di masse adipose. In secondo luogo, le diete ricche di grassi o molto caloriche non sempre favoriscono il senso di sazietà, promuovendo un consumo di cibo eccessivo, superiore al nostro fabbisogno energetico. Terzo, una dieta povera di grassi può aiutare nel controllo del peso: lo studio appena citato riporta una verifica sperimentale a questo proposito. E infine, riducendo i grassi nella propria alimentazione si può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare malattie coronariche o alcuni tipi di tumori.

^ Torna all'inizio del paragrafo Conserva di Pomodori Pelati: Valori Nutrizionali e Calorie

 

Conserva di Pomodori Pelati: Ricette

Adesso che sai quasi tutto sulle conserve di Pelati, è il momento di provarli con una delle nostre sfiziose ricette crudiste. Immaginiamo che tu abbia già molte idee su come utilizzare i Pelati biologici in cucina, visto che sono uno degli ingredienti più comuni della nostra tradizione culinaria. Tuttavia, pensiamo anche che qualche suggerimento - magari un adattamento crudista di una famosa ricetta - possa darti qualche spunto in più. Buon appetito!

> Lista Ricette:

Gazpacho Vegan con Pelati Biologici
Salsa di Pelati Biologici Crudista
Virgin Bloody Mary
Pappa ai Pomodori Biologici
Pizza Margherita Raw

 

Gazpacho Vegan con Pelati Biologici

Ecco una ricetta crudista ideale per utilizzare le tue conserve di Pomodori Pelati biologici. Nella tradizionale, veloce e rinfrescante ricetta andalusa!

Ingredienti

1 tazzina d'acqua
2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
2 cucchiai di succo di lime
3 Pomodori Pelati biologici italiani
1 cetriolo pelato a dadini
1/2 cipolla a dadini
1 peperoncino rosso
1 tazzina di basilico tritato
2 spicchi d'aglio
1 peperoncino piccolo tritato
1 cucchiaino di sciroppo d'acero (opzionale)
sale q.b.

Preparazione

Mescola i Pelati biologici insieme agli altri ingredienti in un frullatore, azionandolo a intermittenza per non scaldare troppo il contenuto. Versa il gazpacho in una terrina e conservalo in frigorifero.

Salsa di Pelati Biologici Crudista

Chi ha detto che per preparare un buon sugo di Pelati serve la padella? Ecco una ricetta crudista che dimostra il contrario!

Ingredienti

2 tazze di Pelati biologici italiani
1 tazza di Pomodori secchi
1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di basilico secco
1 spicchio d'aglio tritato
sale q.b.

Preparazione

Mescola i Pelati biologici insieme agli ingredienti in un frullatore. Aziona l'elettrodomestico a intermittenza per non scaldare eccessivamente la salsa. Lavora il composto finché non avrai ottenuto una consistenza cremosa - accettabile un risultato con Pelati a tocchetti. Conserva la salsa in frigorifero.

Virgin Bloody Mary

Il Bloody Mary è un famoso cocktail che prende il nome da una famigerata sovrana d'Inghilterra. In questa ricetta a base di Pelati biologici, ne scoprirai una versione analcolica, ideale per una rinfrescante pausa estiva.

Ingredienti

2 Pelati biologici italiani
1 stecca di sedano
1 piccola cipolla, a dadini
1 pizzico di salsa Worchestershire veg
1 pizzico di aceto di mele
pepe nero, sale e ghiaccio q.b.

Preparazione

Frulla i Pelati biologici italiani insieme agli altri ingredienti. Servi la bevanda ghiacciata. E se vuoi la ricetta tradizionale, basta aggiungere vodka!

Pappa ai Pomodori Biologici

Ecco una versione riveduta e corretta in chiave crudista della classica ricetta toscana. Per assaporare tutta la freschezza dei Pelati biologici.

Ingredienti

6 Pelati biologici italiani
1 peperone rosso
1/2 limone (succo)
1 avocado
Basilico fresco, Pomodorini ciliegia, sale, pepe e aglio q.b.

Preparazione

Affetta i Pelati biologici italiani ed il peperone, poi lavorali nel frullatore insieme al succo di limone. Affetta la polpa dell'avocado e lavorala nel frullatore assieme ai Pelati e al peperone. Aggiungi quindi le spezie, un po' d'olio d'oliva e lavora finché la pappa non risulta cremosa. Guarnisci con Pomodorini e basilico. E la pappa è fresca e pronta da gustare!

Pizza Margherita Raw

Una pizza senza forno e con ingredienti vegetali? Certo che è possibile! Segui le indicazioni di questa ricetta per provarla.

Ingredienti

Per la mozzarella:
200 grammi di anacardi
3 cucchiaini di psyllium
3 cucchiaini di lievito
1 limone (succo)
1 cucchiaio di pasta di miso
sale q.b.

Per la base:

1 peperone rosso
1 tazzina di semi di girasole
1 tazzina di semi di lino
1 tazzina di semi di canapa

Per il condimento:

Pelati biologici italiani
aglio, origano e sale q.b.

Preparazione

Inizia con il preparare la mozzarella veg. Mescola bene lo psyllium in una tazza d'acqua e lascia riposare per almeno un'ora: otterrai una sorta di gel. Mescola nel frullatore questo composto con gli altri ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo. Versa il composto in una tazza e lascia addensare in frigo per almeno un'ora. Nel frattempo, prepara la base lavorando gli ingredienti in un frullatore fino a ottenere una sorta di impasto omogeneo e appiccicoso. Rivesti con l'impasto il fondo di una teglia e mettilo nell'essiccatore (o nel forno alla temperatura più bassa possibile) per qualche ora. Otterrai una sorta di sfoglia croccante che costituirà la base per la pizza. A questo punto, affetta la "mozzarella" e usala per guarnire la crosta. Cospargi con i Pelati biologici a fette, origano e sale. Se vuoi, puoi lavorare questi ingredienti nel frullatore.

^ Torna all'inizio del paragrafo Ricette con Conserva di Pomodori Pelati

 

La Migliore Conserva di Pomodori Pelati Bio by CiboCrudo

Finalmente hai scoperto tutto quello che c’era da sapere sulle Conserve di Pomodori Pelati. O quasi. Perché c’è prodotto e prodotto. E le Conserve di Pomodori Pelati by CiboCrudo hanno qualcosa che li rende davvero speciali, a partire dalle caratteristiche dei produttori italiani. Prosegui nella lettura e scoprirai perché.

> Lista Argomenti:

Conserva di Pomodori Pelati by CiboCrudo
La Selezione dei Produttori
Certificato e Biologico

 

Conserva di Pomodori Pelati by CiboCrudo

Le Conserve di Pomodori Pelati by CiboCrudo sono speciali. Niente additivi, né conservanti, proprio quello che serve per poter assaporare il vero gusto dei Pelati italiani. In secondo luogo, perché sono biologici. Ciò significa che il produttore ha seguito una metodologia di coltivazione conforme a principi di sostenibilità ambientale. E infine, perché sono italiani. Il nostro Paese detiene il primato mondiale tra i produttori di conserve dei migliori Pelati. E i produttori italiani hanno tutta l’esperienza per sviluppare metodologie di lavorazione che sono sinonimo di eccellenza e qualità.

La Selezione dei Produttori

Il fatto di aver scelto produttori italiani per i nostri Pelati biologici non è casuale. La nostra scelta non nasce dal solo fatto di affidarci a una tradizione consolidata e ad una solida esperienza. Alla base del nostro lavoro c’è infatti un severo processo di selezione dei produttori che si articola in diverse fasi. Innanzitutto scegliamo una rosa di produttori che ci danno le necessarie garanzie: qualità del prodotto, sostenibilità della filiera, rispetto delle più severe norme in materia di agricoltura biologica. E dopo questo lavoro, scegliamo solo i produttori che rispettano queste caratteristiche e che sostengono la nostra filosofia. Scegliere un produttore italiano, in questo caso, ha un ulteriore vantaggio in termini di sostenibilità. Si favorisce lo sviluppo del territorio e i trasporti sono più veloci. Cosa che implica un rispetto per l’ambiente ancora maggiore.

Certificato e Biologico

Il risultato di questo lavoro è attestato dai marchi che puoi trovare sulle etichette dei prodotti by CiboCrudo. I nostri Pelati, per esempio, possono vantare il marchio di agricoltura biologica. Ciò significa che un ente certificatore indipendente garantisce che il produttore rispetta le più severe norme in materia. 

^ Torna all'inizio del paragrafo La Migliore Conserva di Pomodori Pelati Biologici by CiboCrudo

 

Conserva di Pomodori Pelati: Curiosità

Quasi in tutte le case degli italiani c’è una conserva di Pelati - magari biologici. Facile presumere di sapere praticamente tutto su questo alimento. Scommettiamo il contrario? In questa sezione abbiamo raccolto qualche curiosità sul più famoso dei nostri ortaggi. Buona lettura!

> Lista Argomenti:

Il Frutto dell’Amore?
La Mela Avvelenata
Un Frutto Spaziale
Una Pianta da Record
Il Più Amato dagli Americani

 

Il Frutto dell'Amore?

Da dove viene il nome "pomodoro"? Qualcuno ipotizza che possa derivare da "pomo d'oro", poiché si dice che i primi frutti importati dalle Americhe avessero un bel colore dorato. Altri studiosi pensano che la parola possa derivare da "pomme d'amour", come si chiamava in Francia, a sottolineare i presunti poteri afrodisiaci di questo frutto. Diversamente, in Inghilterra si chiama "tomato", che è una parola che deriva direttamente dalle lingue delle popolazioni pre-colombiane.

La Mela Avvelenata

Anche a duecento anni dalla loro importazione, gli Europei ritennero per lungo tempo che i Pomodori fossero tossici, tanto da soprannominarli "mele velenose". Vi erano infatti leggende di nobili signorotti che erano morti dopo averne mangiato. Qualche studioso ritiene che queste dicerie avessero un fondo di verità. All'epoca molte posate contenevano piombo e l'acido del pomodoro forse reagiva con questo metallo incrementandone la tossicità. Questa cattiva fama aveva anche un fondamento botanico: queste piante appartengono alla famiglia delle solanacee, una delle più ricche di specie velenose, basta pensare allo Stramonio. E le foglie della pianta sono effettivamente tossiche. A nulla valsero le rassicurazioni di chi ne mangiava tranquillamente i frutti migliori, né il fatto che fosse consumato da millenni dalle popolazioni native delle Americhe. In Europa bisognerà aspettare fino alla metà dell'Ottocento, prima che gli italiani iniziassero a coltivare estensivamente il pomodoro facendone riscoprire la bontà.

Un Frutto Spaziale

I Pomodori sono stati protagonisti di ben quattro esperimenti didattici effettuati dalla NASA per studiare l'esposizione dei vegetali ai raggi cosmici. Nell'ultimo esperimento, l'agenzia spaziale ha inviato in orbita circa 600.000 semi. Una volta recuperati, sono stati coltivati dagli studenti e messi a confronto con altre piante che non avevano viaggiato nello spazio.

Una Pianta da Record

Essendo ampiamente coltivati in tutto il mondo, i migliori Pomodori hanno collezionato un'ampia serie di primati. Secondo il Guinness, infatti, il pomodoro più pesante (tre chili e mezzo) è stato raccolto negli Stati Uniti. La più grande pianta è cresciuta nel Regno Unito (quasi venti metri di lunghezza). Ai cinesi spetta il primato di aver cresciuto la pianta più produttiva. Presso Pechino è stata scoperta una pianta in grado di generare 32.000 frutti, per un peso complessivo di oltre mezza tonnellata.

Il Più Amato dagli Americani

A differenza di noi italiani, gli americani non hanno una dieta generalmente ricca di frutta e verdura. Per loro fortuna, compensano questa mancanza consumando grandi quantità di Pomodori, freschi o lavorati (in salsa o ketchup). Ogni americano consuma almeno 12 chili di frutti all'anno: ottengono da essi il maggior quantitativo di vitamine e minerali rispetto a ogni altro tipo di ortaggio. Sono inoltre onnipresenti nelle case americani: sembra infatti che siano coltivati dal 93% delle persone con l'hobby del giardinaggio.

^ Torna all'inizio del paragrafo Conserva di Pomodori Pelati: Curiosità
 

Nota Importante:

Tutte le informazioni riportate hanno puramente scopo didattico, per approfondirne il significato > leggi il Disclaimer



Le informazioni riportate, non sono da intendersi come sostitutive di un parere medico e le proprietà descritte, salvo dove precisamente indicato, sono presunte e senza evidenze scientifiche.


Disclaimer

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Conserva di Pomodori Pelati commenti

Scrivi il tuo commento

Seguici Su...