> CiboCrudo è Vendita prodotti biologici online

Le curiosità sulle mandorle

In questa sezione intitolata vendita prodotti biologici online su CiboCrudo dedichiamo l'attenzione ad alcune curiosità che riguardano il mandorlo e il suo seme, il nostro intento è sempre quello di fornire più informazioni possibili, speriamo in questo caso di allietare i più curiosi con dettagli appresi un po' durante i nostri anni di esperienza lavorativa e un po' girovagando nel web.

Questa pianta e di conseguenza i suoi semi hanno origini antiche, sono entrambi stati protagonisti di molte storie in differenti culture, di seguito ve ne forniamo qualcuna speranzosi di avervi arricchito in qualche modo:

 

^ CiboCrudo è Vendita prodotti biologici online

Le mandorle nel Guinness World Records

Nella città di Agrigento in occasione della fioritura del mandorlo e di conseguenza dell'imminente arrivo della primavera, inizia la Sagra del Mandorlo in Fiore, si tratta di un appuntamento irrinunciabile per la popolazione locale che inizia i primi giorni di febbraio e termina a metà marzo.

Nell'anno 2011 durante questo evento è stato creato il Torrone più lungo in assoluto mai esistito nel mondo, lungo 660 metri, per la sua preparazione sono stati impiegati 1500 kg di mandorle e 1000 kg di zucchero tanto da farlo entrare nel Guinness World Records.

 

Le mandorle e Plutarco

Come dicevamo le mandorle possiedono origini antichissime, le ritroviamo infatti in un testo redatto da Plutarco, scrittore, biografo e filosofo greco vissuto all'epoca l'Impero Romano, il quale narra di un medico che durante il suo soggiorno a Roma, ospite del figlio dell'imperatore Tiberio, era solito sfidare in maniera sfrontata chiunque a bere del vino.

La sua capacità nell'ingerire quantità di vino che nessuno riusciva a sostenere era rinomata, fino a quando qualcuno notò che prima di ogni pasto mangiava alcune mandorle, inquisito per lo strano comportamento dichiarò che, se non avesse mangiato quei semi, non avrebbe retto nemmeno un bicchiere.

Ecco svelato il motivo per cui i romani intendevano le mandorle un ottimo rimedio contro l'ubriachezza!

 

Le mandorle e la Svezia

La Svezia riserva grande importanza alle mandorle, la sua tradizione le vede coinvolte in molti momenti, il 24 di dicembre viene infatti preparato un dolce a base di riso dove al suo interno viene inserita una mandorla sbucciata, successivamente viene servito solamente alle ragazze, la fortunata che troverà la mandorla sarà la prima a contrarre il matrimonio, mentre il primo giorno dell'anno è usanza cuocere del riso o del grano nel latte, successivamente viene zuccherato e vi si aggiunge la cannella e pezzetti di mandole sbucciate.

La tradizione dice che chi troverà le mandorle avrà fortuna tutto l'anno, infine ritroviamo le mandorle anche nel periodo quaresimale, il dolce chiamato Semia è sostanzialmente un panino ricolmo di pasta di mandorle e panna montata.

 

Come abbiamo visto in precedenza ci sono tre tipi di mandorle, la dulcis, la fragilis e l'amara, ed è proprio di quest'ultima che ci occuperemo adesso.

La mandorla amara non è adatta per l'alimentazione in quanto contiene alcune sostanze tossiche per l'organismo umano come l'amigdalina, ne contiene dal 2% al 4% e glucoside cianogenetico che per idrolisi da origine all'acido cianidrico.

Mangiando un numero minimo di queste mandorle l'effetto di avvelenamento può risultare mortale, nei bambini si stima siano sufficienti 6/10 semi mentre negli adulti 50/60 unità.

Fortunatamente le mandorle di questa specie grazie a queste sostanze che gli conferiscono un sapore amaro non sono gradite nel gusto pertanto scoraggiano immediatamente l'ingestione, ad oggi vengono utilizzate soltanto nel settore delle profumerie e in medicina.

 

Il mandorlo e la sua spiritualità

Il mandorlo i suoi semi ovvero le mandorle sono presenti in moltissime religioni soprattutto in quella mistica, il mandorlo nella chiesa cristiana è incluso tra i simboli del sacerdozio, la stessa Bibbia lo cita con l'appellativo ebraico Shaqed per dieci volte descrivendolo come il vigilante che rimanda a Dio ma anche come rinascita dell'uomo.

Il mandorlo è descritto anche come l'albero sotto il quale il Buddha raggiunse l'illuminazione, in oriente molti miti cosmogonici pensano il mondo sia stato creato da un guscio a forma di mandorla.

Queste sono solo alcune informazioni legate alla spiritualità che l'uomo ha conferito al mandorlo e alle mandorle, da sempre vengono riconosciuti in modi diversi ma legati tra loro per importanza e sacralità.

 

Le mandorle e la California

La California ad oggi sostiene l'80% della produzione mondiale di mandorle, questo dato sconcertante è ancor più avvalorato dalla siccità che colpisce gli Stati Uniti negli ultimi anni, come sappiamo le mandorle sono piante che necessitano una notevole quantità d'acqua per poter vivere e proliferare, alcuni esperti dichiarano infatti che le mandorle stanno letteralmente prosciugando la California.

Per la grande richieste del mercato odierno dati alla mano lo sfruttamento dei terreni destinati a queste coltivazioni è superiore del 44% rispetto a dieci anni fa, il 40% della produzione mondiale dei semi del mandorlo viene utilizzata dalle fabbriche di cioccolato.

Per concludere vogliamo fornirvi un dato che è altrettanto fonte di sconcerto, per la totale produzione delle mandorle coltivate in California sono necessari più di 1,2 milioni di alveari che permettono l'impollinazione.

Noi di CiboCrudo che ci occupiamo di vendita prodotti biologici online in maniera etica nel rispetto dell'ambiente, dell'uomo e degli animali non potevamo selezionare Mandorle provenienti da questi tipi di coltivazioni, la nostra selezione viene coltivata in Sicilia, ancora alla vecchia maniera, da coltivazioni biologiche con metodologie naturali.

 

I confetti

Il confetto è una specialità che trova origine già al tempo degli antichi romani, è essenzialmente costituito da una mandorla rivestita di zucchero anche se oggi se ne trovano diverse versioni formati da nuclei di pistacchi, nocciole o cioccolato.

Fini dal tempo antico venivano utilizzati per celebrare nascite e matrimoni ne troviamo conferma in alcune testimonianze della famiglia Fazi nel 447 a.C. di Apicio amico dell'imperatore Tiberio, a quel tempo i confetti erano considerati “bon bon” preziosi destinati alla celebrazione di eventi importanti.

Questa usanza è stata mantenuta fino ai tempi moderni, i maggiori produttori sono situati in Italia ed in Spagna, che aggiungere di altro se non che oltre ad essere gustosi sono sani e di buon auspicio.